Linux Mac PC Recensioni Recensioni Videogiochi

Total War: ROME REMASTERED, Roma usque caput mundi – Recensione

Total War: ROME REMASTERED

La saga Total War, storico brand strategico a turni della Creative Assembly, mi ha sempre notevolmente affascinato fin dall’infanzia, dove ho avuto modo di consumare, quasi letteralmente, due dei suoi capitoli che tutt’ora porto nel cuore, quali Medieval: Total War e Rome: Total War; titoli non certo dall’approccio semplice, che ben poco potrebbero sposarsi con l’idea di divertimento che potrebbe avere un bambino. Ma a me ciò poco importava, dato che creare i miei regni ed imperi risultava essere la mia quotidianità, nonché un’esperienza appagante e molto longeva, cosa che in un’epoca in cui i giochi che circolavano in casa erano contingentati rendeva l’esperienza in toto una manna dal cielo.

Il mio amore incondizionato per Rome: Total War, iniziato nel lontanissimo 2004, si è potuto riaccendere e riconfermare grazie a Total War: ROME REMASTERED, edito da SEGA ed in uscita domani, 29 aprile 2021, per Linux, Mac e PC (via Steam), che ho avuto modo di spolpare per benino in anteprima per voi. Una piacevole passeggiata nel viale dei ricordi, che mi ha permesso di approcciarmi al titolo con nuove mentalità e maturità, facendomelo apprezzare ancora di più. Lasciate dunque che vi parli di questo mio ritrovato amore.

Ricco di contenuti, vecchi e nuovi

Partiamo dal fatto che spiegare l’esperienza in toto di un titolo della saga Total War è quasi impossibile viste le numerosissime dinamiche di gioco nonché dei contenuti in esso presenti, in particolare modo se questo titolo è Rome, remastered o meno. Tale esperienza va vissuta, fatta entrare nella pelle, resa propria, ed è proprio in questo il bello del suo gameplay! Nonostante ciò, mi avventurerò nell’arduo compito di spiegarvi quali sono i veri punti di forza di Total War: ROME REMASTERED, partendo dall’incredibile mole di contenuto da esso offerto diviso nelle varie modalità.

Iniziando dalla Modalità Campagna, il titolo ci catapulterà in uno scenario europeo, che vede come protagonisti anche il Nord Africa e il Medio Oriente, nell’anno 270 a.C., all’interno del quale il nostro compito come amministratori della nostra Fazione sarà quello di portarla in auge sotto diversi aspetti, che vanno dalla diplomazia, all’economia, alla cultura e, soprattutto, al dominio sui vari avamposti, avendo la possibilità di gestire i propri eserciti direttamente sul campo di battaglia, gestendo il tutto dalla Mappa Tattica. Ci si trova di fronte ad un titolo che premia ampiamente la tattica militare ed economica in modo quasi realistico, concedendo ad un giocatore esperto di ribaltare totalmente la situazione di inferiorità numerica sfruttando al meglio e con criterio le risorse a propria disposizione, cosa che rende l’esperienza oltremodo immersiva, coinvolgente e convincente.

Total War: ROME REMASTERED

Le numerose fazioni e relative campagne hanno inoltre diverse peculiarità che le rendono uniche, ma soprattutto anche un proprio livello di difficoltà, il che renderà l’approccio al titolo graduale e performante man mano che le ore al suo interno scorreranno, il tutto incentivato ulteriormente dal fatto che vi siano fazioni intere da dover sbloccare. Ed è qui che si possono notare le prime notevoli aggiunte che Total War: ROME REMASTERED introduce, grazie all’aumento delle fazioni giocabili che passano dalle “sole” 12 originali alle ben 38 attuali, rendendo giocabili quelle che prima fungevano solo da NPC, cosa che sottolinea ulteriormente quanto tale Modalità Campagna sia la più corposa dell’opera.

Ad essa vanno però ad aggiungersi quelle Battaglia, divisa ulteriormente in Storica, nel caso volessimo rivivere le battaglie più rilevanti dell’antica Roma, Personalizzata e Rapida, al fine di potersi dilettare come meglio crediamo tra assedi, legioni e quant’altro, e Multiplayer, in grado di aggiungere ulteriore longevità ad un titolo che di base è quasi del tutto inesauribile. Ma Total War: ROME REMASTERED non finisce di stupire riguardo alla propria offerta di contenuti, dato che, oltre al gioco originale, esso include anche le due apprezzatissime espansioni Barbarian Invasion e Alexander, con le loro fazioni, campagne e innumerevoli ore di gioco.

Un’occasione assolutamente da non perdere per chi non ha avuto modo di mettere mano al prodotto originale, riscoprendo così uno degli strategici più apprezzati di sempre, un vero e proprio caposaldo del genere d’appartenenza, sebbene l’approccio con esso potrebbe non risultare semplice ai più.

Total War: ROME REMASTERED

Si sarebbe potuto fare di più, ma le migliorie sono evidenti

Total War: ROME REMASTERED non avrebbe mai potuto eccellere dal punto di vista grafico, questo è poco ma sicuro trovandosi di fronte ad un titolo del 2004 rimasterizzato, ma, nonostante le evidenti ed apprezzabilissime migliorie che svecchiano il prodotto originale, si sarebbe potuto indiscutibilmente migliorare il tutto in fase di lavorazione, soprattutto tenendo in conto lo scopo del progetto. Ciò è evidente soprattutto durante le battaglie, in cui spicca decisamente la spogliatezza dei campi di battaglia e la rozzezza delle animazioni dei vari modelli 3D. Ma, come abbiamo avuto modo di notare poco sopra, il fulcro di tutta l’esperienza del titolo è ben altro, rendendo questo un difetto accettabile, ed anche ampiamente prevedibile, dell’opera.

Al tutto va ad aggiungersi un comparto sonoro notevole e decisamente in linea col prodotto; degno di nota è assolutamente il doppiaggio italiano, nel quale spiccano riconoscibilissime ed apprezzabilissime le voci di Claudio Moneta e Alberto Olivero.

Total War: ROME REMASTERED

Conclusioni

Ma quindi Total War: ROME REMASTERED era davvero necessario? La risposta più corretta sarebbe senza ombra di dubbio un si e no. No perché l’opera originale era già presente sullo store digitale Valve, e dunque usufruibile da chiunque avesse voglia di avvicinarvicisi, assieme alla sua iterazione più recente (2013), Total War: Rome II; si, invece, perché il gioco primevo risulta decisamente troppo vecchio e legnoso per poter essere apprezzato ai giorni nostri e di conseguenza uno svecchiamento non avrebbe potuto fare altro che bene. Ed in questo Total War: ROME REMASTERED riesce benissimo, risultando una buona riedizione che possa accattivare chi al brand ci si è avvicinato solo con le ultime iterazioni.

Un’occasione che permette di rispolverare un masterpiece della storia del videogioco al prezzo di 29,99 , includendo nel pacchetto anche la copia originale di Rome: Total War Collection (disponibile esclusivamente per PC). Vi ricordiamo inoltre che se possedete già tale copia, fino al 1° giugno avrete diritto ad uno sconto del 50% su tale remastered, cosa che incentiva notevolmente il suo acquisto per i veterani come il sottoscritto.

Roma caput mundi.

Di nuovo!

Codice digitale fornito dal publisher.

Total War: ROME REMASTERED

29,99 €
8.5

Ambientazione

9.0/10

Gameplay

9.0/10

Grafica

6.3/10

Sonoro

8.5/10

Longevità/Multiplayer

10.0/10

Qualità della rimasterizzazione

8.0/10

Pro

  • Torna uno dei Total War più amati di sempre
  • Ottime dinamiche di gameplay
  • Miglioramento di alcune componenti gestionali
  • Ben 38 fazioni giocabili
  • Molto longevo

Contro

  • Approccio iniziale complesso
  • Comparto grafico non eccessivamente migliorato in sede di rimasterizzazione

Share and Enjoy !

0Shares
0 0