Serial Gamer Logo
Logo serial gamer
2

Qualità o quantità: il nuovo dilemma per il mondo del gioco

19 Apr 2021 | Extra, News

Condividi sui Social!

Il mondo dei giochi è uno dei pochi che, quantomeno nel settore online, non ha risentito di alcuna crisi da Covid-19. Anzi, semmai ha ricevuto un incentivo mica da poco, registrando da marzo 2020 ad oggi un’autentica esplosione al di là del sesso e della fascia d’età coinvolte.

Sono dati importanti, quelli a disposizione degli operatori di gioco online italiani che fanno parte di uno dei modelli più virtuosi in Europa. Ma non pochi sono i dubbi che circondano uno dei settori più rosei del momento: basta la qualità? O è meglio sostituirla con la quantità? Meglio sviluppare poco ma bene o tanto al di là della fattura? Nel particolare mondo del gambling, laddove in altri settori la risposta sarebbe scontata, nulla è da sottovalutare. Manco a dirlo, i giochi più premiati da quest’anno pandemico sono quelli rintracciabili sui casinò online del circuito AAMS in Italia. E l’andazzo dell’ultimo anno lascia spazio a molte risposte.

Nel giro di pochi mesi si è passati dall’uscita di tre, massimo quattro titoli mensili ad un’autentica esplosione con titoli pubblicati quasi a cadenza giornaliera. Questo è quanto successo, per esempio, ad uno degli operatori leader del mercato come StarCasinò. I prodotti a firma StarCasinò si sono succeduti con continuità, mantenendo alto il proprio standard di qualità ma aumentando notevolmente il fattore quantità. Rispettando ovviamente tutti i passaggi necessari per l’ok all’immissione in mercato di un titolo. Certificazione, omologazione e implementazione. Questa continua proposta di titoli rende peraltro complesso l’investimento sullo sviluppo di un gioco. Ciò comporta una rivisitazione sempre più frequente di uno stesso gioco che, su lungo termine, potrebbero avere un impatto negativo su operatori e giocatori.

Le prestazioni massimali dei giochi, prima perduranti per mesi, adesso sono diminuite a due a settimana. Proprio per la molte di nuovi titoli proposti, con costi non aumentati e una qualità che è risultata leggermente penalizzata. Ma per gli utenti non è un dramma: provare tanti giochi significa non affezionarsi. E dunque variare, esplorare, provare nuove esperienze. Per quel che concerne nuove soluzioni, vale l’esempio di StarCasinò: sviluppare trame applicate alla versione dei giochi prodotti è una strada perseguibile.

I dati acquisiti dagli operatori di gioco vengono utilizzati per dare risposta a questo quesito. E poco importa se gli operatori siano spaccati nel dilemma tra qualità e quantità. L’importante è che il divertimento vada avanti. D’altronde the show must go on. Sempre.

Condividi sui Social!

Paolo Lorenzini

Dispotico caporedattore di Serial Gamer Italia, dopo anni a girovagare per le redazioni di settore ha deciso di costruirsi una “casa” su misura che gli permettesse di offrire un’informazione libera, priva di clickbait e gestita in maniera equa e meritocratica.

Paolo Lorenzini

Dispotico caporedattore di Serial Gamer Italia, dopo anni a girovagare per le redazioni di settore ha deciso di costruirsi una “casa” su misura che gli permettesse di offrire un’informazione libera, priva di clickbait e gestita in maniera equa e meritocratica.

 Seguici su: