Anteprime PC Speciali 1

Aquanox Deep Descent: Il futuro abissale dell’umanità – Anteprima

Aquanox Deep Descent

Aquanox Deep Descent è un atipico FPS ad ambientazione post-apocalittica sviluppato dallo studio serbo Digital Arrow e pubblicato da THQ Nordic per PC (via Steam) che sarà disponibile già dalla prossima settimana, più precisamente dal 16 ottobre 2020, ma che io ho avuto modo di provare in anteprima per voi.

Questo titolo tenta la non facile impresa di riesumare dal dimenticatoio la serie AquaNox iniziata su PC nel 2001; erano ormai diciassette anni, dall’uscita di AquaNox 2: Revelation anch’esso su PC, che non si vedeva un titolo inerente ad esso, soprattutto a causa della rovinosa cancellazione di AquaNox: The Angel’s Tears per PlayStation 2. Insomma, una storia travagliata per una serie che non riuscì ad imporsi a dovere sul mercato videoludico, ma che nonostante tutto non ha impedito ai ragazzi di Digital Arrow di buttarsi in quest’avventura facendo partire l’11 settembre 2015 una campagna kickstarter che ottenne un grande successo.

Dopo aver provato la prima missione del titolo in questione, solamente un piccolo assaggio di quello che sarà il prodotto finale, vi parlerò di seguito dei punti di forza e delle debolezze che ho potuto notare al suo interno, ricordandovi che a breve arriverà sul nostro sito la recensione dell’opera giocata nella sua totalità.

Un futuro oscuro

In Aquanox Deep Descent la superficie terrestre è oramai inabitabile a seguito di un terribile conflitto mondiale nucleare e i pochi esseri umani sopravvissuti ad esso si sono rifugiati nelle oscure profondità marine, all’interno di ex-strutture di ricerca o d’estrazione, nell’arduo tentativo di far perdurare la civiltà umana…od anche solo una sua sbiadita parvenza. Questo nuovo mondo verrà chiamato e riconosciuto come Aqua.

Come naturale conseguenza di ciò, si vengono subito a creare fazioni ed avamposti con interessi ed obiettivi differenti. Basta quindi qualche piccola tensione per schierare le proprie flotte sottomarine e inaugurare nuovi e deleterie guerre, dimostrando appieno che la natura umana viene sempre a galla.

Aquanox Deep Descent

Facciamo subito la conoscenza dei nostri protagonisti, uomini messi in crio-sonno per svariati anni al fine di permettere la riuscita del cosiddetto Progetto Nammu di cui il giocatore non sa assolutamente nulla; essi sono il pirata Kaelen Kamakani, l’esperta in comunicazioni Nabila Ghazali, lo scienziato a capo dello stesso progetto Fedor Singh e l’agente speciale Hannah Marks. Un gruppo decisamente disparato e che non ha idea di cosa fare a causa di un’amnesia misteriosa; spetterà quindi a noi guidarli alla ricerca della verità e al compito di questo fantomatico Progetto Nammu. Che futuro attende il nostro equipaggio nelle oscure profondità marine?

Aquanox Deep Descent

Guerra subacquea

In Aquanox Deep Descent saremo alla guida di una nave sottomarina gestita dai suddetti personaggi, grazie alla quale svolgeremo le missioni affidate dai vari NPC presenti in ogni avamposto subacqueo. All’interno di queste cittadine abissali potremmo gestire il nostro procedere nella campagna e la nostra nave nella sua totalità, dalle armi primarie e secondarie fino alla palette di colori che più ci aggrada. Una volta pronti partiremo alla volta di nuove spedizioni all’insegna della raccolta di risorse, crafting di oggetti utili alla nostra sopravvivenza, insoliti animali marini mutati e combattimenti frenetici con navi nemiche.

Sebbene le premesse siano decisamente buone ed entusiasmanti, il gameplay di Aquanox Deep Descent non riesce a decollare, risultando abbastanza piatto seppur in grado di intrattenere il giocatore che vi si approccia; c’è da dire però che questo pensiero deriva dall’unica e sola missione che mi è stato concesso di giocare, per cui si tratta di un parere acerbo e che sicuramente maturerà in sede di recensione, soprattutto se si tiene in conto che la modalità multigiocatore, al momento bloccata, potrebbe decisamente giovare dal punto di vista della giocabilità.

Aquanox Deep Descent

Una buona resa tecnica

Aquanox Deep Descent ha un comparto grafico decisamente buono, riuscendo ad immergere (in tutti i sensi) appieno il giocatore all’interno del tetro e desolato mondo sommerso di Aqua. Viaggiare nel vasto oceano, tra caverne, scogli, solfatare e tanto aberranti quanto pericolose mostruosità marine rende appieno il senso di angoscia e quello strano mix tra claustrofobia ed agorafobia che i nostri personaggi devono avvertire di fronte all’ignoto che li si para davanti. A tutto questo si aggiunge un ottimo comparto sonoro, sia per quanto riguarda il doppiaggio sia per quanto riguarda la colonna sonora, che, seppur non spiccando, riesce a fare il suo lavoro risultando decisamente d’atmosfera.

Aquanox Deep Descent

Conclusioni

Questo primo sguardo ad Aquanox Deep Descent mi ha decisamente incuriosito, in quanto mi ha dato la netta sensazione che in esso ci sia molto contenuto a cui, per ovvi motivi, non ho potuto avere accesso. Avrò modo in questa settimana di capire se il prodotto finale, esplorato nella sua interezza, sarà all’altezza di queste mie aspettative. Quindi per ora ci lasciamo, ma non temete! Tornerò infatti a breve qui per tirare le somme e dare le valutazioni finali, sperando in un futuro roseo per una saga il cui passato non lo è affatto.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Potrebbero anche interessarti