News Serie TV

Amazon Prime Video: a febbraio arrivano Fleabag, Goliath e Z: The Beginning of Everything

Amazon Prime Video Febbraio

Il servizio di streaming on demand Amazon Prime Video, sbarcato anche in Italia nel mese di dicembre, arricchisce il suo catalogo con tre nuove serie in arrivo nel mese di febbraio: Fleabag, Goliath e Z: The Beginning of Everything.

La prima serie, Fleabag, è una serie televisiva britannica trasmessa per la prima volta nell’estate del 2016 dall’emittente BBC Three, una commedia nera scritta e interpretata da Phoebe Waller-Bridge.

“Fleabag” è una giovane donna londinese alle prese con le varie difficoltà della vita, tra cui una famiglia disfunzionale, la problematica gestione di un bar a tema porcellino d’India sull’orlo del fallimento, che aveva aperto con la sua migliore amica ora defunta, e un’instabile quanto frenetica vita sessuale e sentimentale. (Fonte trama: Wikipedia)

Eccovi il trailer della prima stagione, disponibile nella nostra lingua su Amazon Prime Video a partire dal 10 febbraio.

Goliath

La seconda serie in arrivo sulla piattaforma streaming del colosso e-commerce, Goliath, è una serie televisiva statunitense del 2016 con Billy Bob Thornton (che ha vinto il Golden Globe per la sua interpretazione in questa serie) e William Hurt.

La serie è ambientata a Santa Monica e la sinossi è la seguente:

L’avvocato Billy McBride, un tempo rinomato legale e fondatore dello studio Cooperman & McBride, è ora in rovina. Lasciato dalla moglie Michelle (tra le figure importante dell’ex studio del marito), vive in un motel vicino alla costa, passa il suo tempo in un bar, costantemente ubriaco. Il suo ex socio Donald Cooperman lo odia all’inverosimile: sfigurato da gravi ustioni sul viso e sul corpo rimediate durante la guerra del Vietnam, Cooperman vive rinchiuso nel proprio studio, meditando vendetta contro l’ex socio. I suoi dipendenti dubitano perfino della sua esistenza. Quando riaffiorano nuovi indizi su un vecchio caso su un presunto suicidio in mare (un’esplosione di un peschereccio) che aveva coinvolto un importante cliente dello studio, l’avvocatessa Patty Solis-Papagian si reca da Billy, chiedendogli un aiuto per portare il caso verso un patteggiamento. Ma Billy, all’inizio titubante, vede i margini per intentare una colossale azione legale verso il suo ex studio e, contro tutto e tutti, s’interstardisce a perseguire la multinazionale degli armamenti difesa dallo studio. D’altro canto Cooperman, quando viene a sapere che il caso è riaperto da McBride, decide di continuare l’azione legale nonostante il suo cliente spinga per un veloce patteggiamento. (Fonte trama: Wikipedia)

Eccovi il trailer della prima stagione, composta da 8 episodi, che sarà disponibile su Amazon Prime Video a partire dal prossimo 17 febbraio.

La terza serie TV in Italia sul servizio on demand di Amazon invece è Z: The Beginning of Everything, è una serie televisiva statunitense basata sul romanzo Z: A Novel of Zelda Fitzgerald di Therese Anne Fowler.

La serie racconta la storia di Zelda Fitzgerald, brillante artista degli anni Venti dello scorso secolo e moglie dello scrittore Scott Fitzgerald, autore del romanzo “Il Grande Gatsby”.

A interpretare il ruolo della protagonista l’attrice statunitense Christina Ricci, molto nota da ragazzina negli anni ’90 per aver interpretato Mercoledì nei due film sulla Famiglia Addams e la protagonista della trasposizione della serie animata Casper.

Trovate qui sotto il trailer della prima stagione di Z: The Beginning of Everything, che sarà disponibile su Amazon Prime Video a partire dal prossimo 24 febbraio.

Vi ricordiamo che è possibile effettuare un mese di prova gratuito del servizio Amazon Prime, con cui potete provare gratuitamente anche la piattaforma streaming on demand. Potete iscrivervi a questo indirizzo al mese di prova gratuito.

Se non lo avete letto, trovate sulle nostre pagine lo speciale su Amazon Prime Video, con tutte le informazioni sull’abbonamento e le principali serie TV già disponibili al lancio avvenuto due mesi fa.

Paolo Lorenzini

Editor in chief di Serial Gamer, dopo anni di gavetta su diversi portali videoludici ne crea uno nuovo perché crede in un'informazione libera ed obiettiva.

Potrebbero anche interessarti