Extra Recensioni

Pokémon TCG: Invasione Scarlatta – Ultracreature contro tutti! – Recensione

Invasione Scarlatta

“È un Pidgey?”

“No, è troppo grande…”

“Allora è Ho-oh”

“No, è troppo piccolo…”

Si scoprì che era un Buzzwole GX. Fu un problema.

Il pokémon color rubino conosciuto anche come UC Expansio, una temibile ultracreatura arrivata da un’altra dimensione, guidò i suoi simili in un attacco alla regione di Alola, che venne strenuamente difesa dalle creature indigene dell’arcipelago, dando vita ad una cruenta battaglia scaturita da quella che tutti ricorderemo essere l’Invasione Scarlatta.

Proprio questi infatti sono nome e cornice narrativa della nuova espansione per Pokémon Trading Card Game che, resa disponibile da meno di un mese, più precisamente il 17 novembre mira ad espandere in direzioni inesplorate l’universo di uno dei giochi di carte collezionabili più profondi e divertenti sul mercato.

Questa espansione, come ci aveva rivelato la giovane campionessa italiana Martina Canto in sede di intervista, intende dare inizio ad una vera e propria rivoluzione all’interno dei campi di gioco di Pokémon TCG: con le sue oltre 110 carte infatti, Invasione Scarlatta è andata ad integrarsi nei set e nei mazzi già esistenti in maniera magicamente organica, dando agli allenatori di tutto il mondo la possibilità di elaborare strategie del tutto nuove e mai viste prima, oppure di affinare le loro preferite attraverso una limatura cosciente e l’apporto di specifiche carte di questo ultimo insieme d’espansione.

Con il lancio di queste nuove carte sono stati introdotti anche due esclusivi mazzi tematici in modo da creare una finestra anche per i giocatori meno esperti, che possono in tale maniera sfruttare la forza di questi set prefabbricati, equilibrati e potenti per impratichirsi in uno dei giochi di carte più interessanti sulla piazza: questi prendono il nome di Tuoni Roboanti e Zanne Micidiali, e si basano su stili di gioco totalmente diversi tra loro, a rimarcare ulteriormente la grande varietà di possibilità a disposizione del giocatore sul piano della strategia; dove il primo infatti ha come Pokémon emblematico lo pseudo-leggendario di tipo drago-lotta Kommo-o, originario di Alola, e si rifà ad un tipo di gioco aggressivo e diretto, il secondo trova la sua punta di diamante in un altro pseudo-leggendario di tipo drago-buio, Hydreigon, che derivante dalla regione di Unima (5° generazione) guiderà tutte le altre creature del mazzo in una battaglia più sottile, basata su strategie meno d’impatto e più legate a delle meccaniche di sfinimento dell’avversario attraverso tecniche di logoramento.

Riguardo quelle che sono le carte più interessanti arrivate con questa espansione, alcune ce le aveva già anticipate Martina Canto, altre invece si sono imposte sui campi di gioco del tutto inattese, ma spinte da grandi risultati: Buzzwole GX, Silvally GX e la carta allenatore Iridio fanno tutte parte della prima categoria, e sono state dei successi annunciati che hanno tenuto fede alle promesse fatte prima del 17 novembre, quando Invasione Scarlatta è stata ufficialmente dichiarata giocabile.

Le carte sopracitate erano passate subito ad essere osservate speciali rispettivamente per la grande utilità dell’attacco GX della prima, la utile capacità di cambiare tipo per la seconda e la dinamica possibilità offerta dalla terza di far girare in maniera mai vista prima i mazzi dei giocatori, alla ricerca della carta mancante per completare la propria mano, mettere a punto una strategia vincente e sbaragliare l’avversario.

A quasi un mese lancio però, a queste promesse mantenute si sono aggiunti alcuni nuovi elementi che si sono conquistati un posto nel meta in continua evoluzione battaglia dopo battaglia: oltre infatti alle altre versioni GX delle ultracreature, tutte valide, si è mostrato degno di essere tenuto in grande considerazione anche Exxegutor di Alola GX, che grazie al suo attacco GX capace di portare enormi danni e ridistribuire le energie dalla nostra parte del campo a piacimento, unita alla possibilità di ferire i pokémon nella panchina avversaria è tutt’ora una delle carte più quotate dell’espansione.

Anche per i collezionisti, sempre alla ricerca della carta mancante, Invasione Scarlatta è un prodotto di ottima qualità: esteticamente le carte sono molto gradevoli, presentando versioni alternative di Pokémon e allenatori full-art capaci di impreziosire le raccolte di tutti; le foil sono delicate e bellissime, e i pezzi GX maestosi e di grandissimo impatto: la chicca portata dall’espansione inoltre sarà appunto il colore del marchio “GX” sulle ultracreature, che sarà di un rosso acceso per distinguere la loro natura di invasori da quella indigena degli altri Pokémon: ecco dunque spiegato anche il nome stesso del nuovo set!

In conclusione, Invasione Scarlatta si dimostra essere senza dubbio un’espansione di grande qualità. Non solo infatti espande appunto l’universo di Pokémon Trading Card Game aggiungendo nuovi elementi e ampliando ancora una volta la pool di possibilità e potenzialità che ogni giocatore può sfruttare per mettere a punto una personale strategia, ma approfondisce anche l’esperienza di gioco e collezionismo, dando una delicata quanto labile cornice narrativa al contesto e offrendo nuovamente dei veri e propri pezzi da collezione di cui, come quando eravamo bambini che facevano gli scambi al parco, essere fieri e guardare per lunghi minuti.

Non sarebbe affatto male se tutte le invasioni fossero così…

Pokémon TCG: Invasione Scarlatta

Pokémon TCG: Invasione Scarlatta
7.5

Voto Serial Gamer

7.5 /10

Pietro Ferri

Senior Editor di Serial Gamer, è un appassionato di videogames fin da tenera età. Si interessa con dedizione all'approfondimento di qualunque forma d'arte che riesca a trasmettergli emozioni