Nintendo Switch Recensioni Recensioni Giochi

Mantis Burn Racing: Corse portatili – Recensione

Dopo una serie di produzioni basate su giochi da tavolo quali Backgammon Blitz, Pure Hold’em e il titolo dedicato al biliardo Pure Pool, i ragazzi di VooFoo Studios si sono gettati a capofitto in un nuovo progetto incentrato sulle corse automobilistiche che prende il nome di Mantis Burn Racing.
Il titolo in questione è appunto un corsistico arcade con visuale isometrica uscito nel 2016 su PC e console, e arrivato in questi giorni su Nintendo Switch versione che sembra fatta ad hoc per la tipologia di gioco che ci ritroviamo tra le mani.

A caccia di ingranaggi

Come detto Mantis Burn Racing è un racing game che si basa su una forte componente arcade dello stile di guida, in cui il giocatore potrà scegliere la sua automobile in diverse modalità e tipologie di corse.
Sin dal primo approccio con il gioco avremo la possibilità di decidere se cimentarci liberamente nella Carriera oppure se prendere parte a corse singole con la possibilità di partecipare ad eventi online o affrontare i nostri amici in avvincenti gare in locale.
La modalità cardine del titolo è ovviamente la Carriera, strutturata in stagioni che andranno da Principiante per poi passare a Pro, Elité fino ad arrivare a Scontro, in cui dovremo svolgere una serie di eventi al fine di recuperare gli ingranaggi che ci serviranno per sbloccare le gare e proseguire nel corso della nostra avventura.
Ogni evento potremo recuperare sei ingranaggi totali, ma solo completando determinati obiettivi che compariranno ad inizio gara per esempio stare in aria per un determinato periodo di tempo, derapare per diversi metri o superare gli avversari; questi saranno utili non solo per andare avanti ma anche per comprare nuove vetture e successivamente potenziarle per ottenere prestazioni sempre più performanti.
Tra le varie sfide che troveremo ci saranno le gare normali, sprint ed resistenza, rispettivamente 3, 2 e 5 giri, seguite poi da eventi come Eliminazione, Accumulatore, Cronometro e Sorpassi che andranno a comporre non solo il ventaglio di sfide disponibili in Carriera ma anche le corse che potremo scegliere nelle altre modalità offline e non.

Facile e immediato

Una delle componenti fondamentali di un titolo di questo genere è senza dubbio il gameplay che rientra nei classici titoli di corse arcade con visuale isometrica in cui il giocatore sarà messo in pista contro sette vetture con il principale obiettivo di tagliare il traguardo prima degli antagonisti. Ad accompagnarci nella nostra gara ci sarà sempre il turbo, unico aspetto in più rispetto ad un classico corsistico, il quale consentirà ovviamente di andare più veloce quando l’apposita barra sarà carica, anche se non sarà semplicissimo riempirla; per farlo infatti dovremo fare azioni spettacolari come un sorpasso, una derapata e così via che ci consentiranno di guadagnare qualche XP e riempire così la barra.
In generale il feeling con l’auto è pressoché immediato grazie ad un gameplay molto intuitivo che con pochi tasti ci permette di destreggiarci tra i diversi tracciati disponibili e portare a casa la nostra fondamentale vittoria.
Prima di ogni gara, inoltre, potremo scegliere l’auto con la quale affrontare l’evento che saranno divise per peso e per categorie, associandone due alla volta con leggere, Medie e Pesanti a cui corrisponderanno Principiante, Pro e Veterano; i veicoli poi avranno determinate caratteristiche che vedranno la presenza delle solite Velocità, Accelerazione, Sospensioni, Tenuta e Turbo, tutte modificabili tramite dei potenziamenti utilizzabili nell’Officina.
Purtroppo però le macchine non sono tantissime e non vantano particolari differenze tra loro ciò porterà ad utilizzare sempre la migliore e tralasciare le altre anche per via di un IA che non ci impegnerà più di tanto nelle gare.

A spasso tra la natura e la città

Il titolo di VooFoo Studios si presenta in ottima forma su Nintendo Switch soprattutto per quanto riguarda i circuiti presenti, solo 12, dove possiamo trovare piste innevate, piene di fango oppure percorsi cittadini tutti ben caratterizzati e dettagliati che riescono a fare il loro lavoro una volta che saremo in gara. Così non si può dire però per le vetture presenti, anche in questo caso non tantissime, che sono decisamente poco curate con modelli tridimensionali abbastanza basilari che non riescono a catturare l’occhio dell’utente.
Anche sotto l’aspetto sonoro il titolo fa il cosìdetto compitino con pochi brani che ci accompagneranno nei vari menù di gioco e durante le nostre performance in pista con qualche traccia orecchiabile ma niente di più, il tutto accompagnato da discreti effetti sonori.
Per quanto riguarda il comparto tecnico invece il titolo gode di una discreta qualità sia in versione portatile che in modalità docked riuscendo sempre a mantenere un’elevata fluidità e una buona qualità generale.

La nuova fatica di VooFoo Studios nella sua versione Switch centra in pieno il suo obiettivo, ossia quella di intrattenere, con la formula del corsistico arcade che riesce a far divertire il giocatore per molte ore. Grazie alla sua giocabilità e ad un prezzo decisamente accessibile il titolo è decisamente consigliato per gli amanti del genere che si troveranno davanti una produzione che probabilmente ha trovato la sua piattaforma perfetta.

*Codice Nintendo Switch digitale fornito dagli sviluppatori

Mantis Burn Racing

Mantis Burn Racing
7.5

Gameplay

8/10

Grafica

7/10

Sonoro

7/10

Longevità

8/10

Pro

  • Immediato
  • Carriera ben strutturata
  • Comparto tecnico

Contro

  • Poche auto
  • Pochi circuiti

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti