Android iOS Mobile Recensioni Recensioni Giochi

Star Wars: Galaxy of Heroes, non scegliere da che parte stare – Recensione

Star Wars: Galaxy of Heroes

Dopo anni di sviluppo senza molta pubblicità, è stato reso disponibile per Google Play Store e App Store un nuovo titolo EA creato in collaborazione con Lucas Film e Disney. Star Wars: Galaxy of Heroes è un gioco di ruolo con eroi collezionabili, tutti ovviamente basati sui personaggi dell’omonima saga, che in breve tempo ha già attirato milioni di giocatori.

Universo

Star Wars: Galaxy of Heroes si sviluppa attorno al livello del giocatore, che aumenta in base all’esperienza guadagnata. Le modalità disponibili per fare ciò sono davvero infinite e man mano che si progredisce ne vengono sbloccate altre! All’inizio viene assegnato un personaggio del “Lato Chiaro” della forza (sì, il titolo è disponibile anche in italiano, sebbene alcuni termini non suonino epici nella nostra lingua) e la possibilità di affrontare il “Lato Oscuro”: all’inizio ogni eroe ha due capacità personali, ciascuna consultabile anche durante le partite tenendo premuta l’icona, che diventano tre a livelli più alti e che possono essere potenziate grazie ad oggetti speciali acquistabili o disponibili tramite eventi. Il tutorial è chiaro e le prime vittorie portano a possedere ben presto altri due personaggi, un curatore e un tank, in modo che si possa aver chiaro fin da subito che attacco, resistenza e recupero di vita sono tutte caratteristiche ugualmente necessarie per portare a termine le sfide con successo. Da qui in poi sarà difficilissimo ottenere altri eroi (119 in tutto) gratuitamente poiché se ne devono raccogliere uno a uno i frammenti come premio per le vittorie, ma ciascuno ne richiede dai 50 agli 80; tuttavia anche i primi del lato oscuro verranno consegnati facilmente per poter appunto accedere alle battaglie di questo schieramento.

Salendo di livello in Star Wars: Galaxy of Heroes si sbloccheranno altri tipi di sfida: le “Battaglie Cantina” (probabilmente tradotto dall’inglese Dungeon) sono mediamente più difficili poiché gli eroi possono essere scelti indiscriminatamente in base al loro potere e si troveranno schierati contro nemici appartenenti ad entrambi i lati della forza, scelti dall’intelligenza artificiale per rendere più complesso il gioco; le sfide e gli eventi sono modalità ancora più difficili e nel primo caso i premi saranno più ricchi e allo stesso tempo i boss verranno scelti in base ad una propria caratteristica che li rende molto più pericolosi e si dovranno applicare delle strategie nel disporre i propri eroi, nel secondo caso invece gli eventi rimangono disponibili solo per un certo numero di ore e i premi saranno specifici per aumentare di livello le abilità, piuttosto che le navi, ecc… Vengono inoltre annunciati in anticipo per permettere l’ottimizzazione delle ore a disposizione.

Da subito è presente un negozio nel menu principale, per acquisti con i raccoglibili a pagamento o tramite una moneta rara di gioco, nel secondo caso ci sarà un oggetto gratuito aggiuntivo di poco valore disponibile ogni 20 minuti, in questo negozio i premi sono a fortuna; più avanti viene sbloccata anche l’area dei rifornimenti, con prezzi maggiori ma con acquisto sicuro, in cui è possibile scegliere le tessere dei personaggi (una o due alla volta); si avrà accesso al “negozio frammenti” solo possedendo un personaggio a sette stelle su sette, quindi la strada è lunga. Tramite invito, è possibile entrare a far parte di una gilda, con negozio, sfide ed addirittura una moneta dedicata, per contenuti altrimenti non disponibili; inoltre sarà possibile sbloccare le navi ed equipaggiarle con una flotta per il recupero di materiali rari; ovviamente si potranno sfidare anche gli altri giocatori e lottare per salire nella classifica mondiale in modo da aver accesso a ricchi premi e monete speciali, da spendere anche in questo caso in un negozio dedicato.

Star Wars: Galaxy of Heroes

Insomma, non ci si può annoiare e non mancano certo le cose da fare!

Avanzamento

Come già detto, in Star Wars: Galaxy of Heroes ogni eroe ha un proprio livello, dal quale dipendono la sua potenza e le abilità che può usare; inoltre per alcune sfide è consigliabile che tutto lo schieramento sia abbastanza forte e quasi sempre il livello suggerito è veramente adeguato alla partita, senza risultare né eccessivo né troppo basso per ottenere il successo. Per ottenere ciò, è possibile allenare gli eroi utilizzando oggetti appositi molto comuni e monete d’oro: ciascuno potrà aumentare al massimo fino al livello del giocatore, in modo più o meno rapido in base alla potenzialità dell’oggetto usato; è possibile acquistare droni da allenamento, ma in realtà con le sfide base si riesce a tirare su tutti i personaggi principali. Il discorso cambia nel caso si spendano soldi reali per ottenere eroi in modo decisamente più veloce, poiché in questo caso si dovrà poi provvedere a comprare un maggior numero di oggetti per potenziarli oppure rinunciare a livellare qualcuno più debole in favore di altri più validi.

Per quanto riguarda le battaglie contro l’intelligenza artificiale, in realtà la potenzialità degli eroi è un problema di poco conto in quanto se ci si dovesse ritrovare bloccati in un determinato punto perché troppo deboli, basterebbe ripetere alcune partite precedenti per poter salire di livello.

Al contrario, nella sfida contro gli altri giocatori, la classifica è basata sul numero di vittorie, il numero di partite giornaliere è limitato e si ha modo di sfidare ogni volta una a scelta tra tre persone decise dal gioco in base alla potenza relativa: personalmente ho sempre lottato per rimanere entro i primi mille posti perché i premi in questa fascia sono già vantaggiosi e in questa fascia gli eroi schierati sono sempre più o meno gli stessi, segno che non vengono spesi soldi reali per avvantaggiarsi; salendo anche solo di duecento posti la classifica però il livello generale diventa più alto e si possono vedere personaggi diversi, questo mi fa pensare che da qui in poi ci siano anche persone che pagano per vincere… Ma in realtà questo fatto mi sembra del tutto corretto perché non si viene molto penalizzati. L’aspetto più particolare è quanto questi eroi costino nei diversi negozi! Si parla dell’ordine delle decine di euro l’uno, ma ripeto che sono scelte personali e quindi tanto meglio per Electonic Arts se i giocatori ci tengono a bruciare le tappe.

Star Wars: Galaxy of Heroes

Ogni volta che il livello del giocatore aumenta si ottiene energia bonus e indicazioni su quanto manca per sbloccare nuove arene o negozi -per avere sempre la situazione sotto controllo- e allo stesso tempo non mancano i tutorial anche in stadi avanzati di Star Wars: Galaxy of Heroes, per spiegare le nuove modalità in modo sempre abbastanza chiaro. A proposito di energia: esistendone due tipi diversi (“normale” e “cantina”) ed essendocene un consumo relativamente basso, le sessioni di gioco possono diventare anche molto lunghe e produttive e con relativo consumo di ticket appositi ed energia per poter completare in automatico le sfide in modalità ardua dopo aver conseguito tre stelle una volta nella stessa (e i premi sono proprio quelli che si otterrebbero rigiocando!). Inoltre la si può recuperare sia nel tempo, sia come ricompensa gratuita due volte al giorno; è possibile poi accumularla oltre il limite massimo e conservarla nel tempo.

Star Wars: Galaxy of Heroes – Marcia imperiale

Forse era scontato pensarlo, ma confermo che gli effetti sonori di Star Wars: Galaxy of Heroes sfruttano quelli della colonna della saga televisiva, ottenendo così epicità. Oltre al sottofondo musicale uguale a quello dei film, ogni abilità degli eroi è abbinata ad un’animazione e ad un effetto sonoro, entrambi ben realizzati, rendendo gli scontri piacevoli da giocare; inoltre vengono sempre indicati i danni inflitti, subiti e curati da entrambe le parti, cosa che rende il tutto molto chiaro. Ogni eroe schierato ha una barra di vita e una che si carica più o meno velocemente e si scarica quando viene compiuto un attacco: i combattimenti sono su turni quindi è importantissimo equipaggiare i personaggi anche con “velocità” per poter attaccare più volte rispetto al nemico. Sono poi indicati anche potenziamenti e depotenziamenti su entrambi gli schieramenti.

La grafica nel menu principale è molto ben definita, mentre in partita è più schematica ma senza mai penalizzare la chiarezza di ciò che sta avvenendo nonostante la limitata grandezza dello schermo.

Star Wars: Galaxy of Heroes

Per concludere, quindi, a parte l’impossibilità di sfidare giocatori che seguono per ore ogni giorno Star Wars: Galaxy of Heroes / pagano per migliorare (ma questo è un vanto per la casa editrice che riesce ad attirare così i propri clienti) o di affrontare alcune sfide con successo senza essere forzati a ripercorrere prima i propri passi per salire di livello, questo titolo è davvero ben sviluppato e ottimizzato anche per dispositivi di fascia media. Come molte app moderne si può giocare solo online, tuttavia penso che questo non sia più un grosso problema al giorno d’oggi, quindi il punteggio assegnato è di 88 punti su 100.

Star Wars: Galaxy of Heroes

8.8

Voto Serial Gamer

8.8/10

Pro

  • Audio
  • Chiarezza
  • Gameplay
  • Star Wars

Contro

  • Prezzo acquisti in game
  • Rallentamento drastico dell'esperienza guadagnata ad alti livelli

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Silvia Caselli

Gamer durante il giorno, pasticcera la sera, ghiro durante la notte. Ah! Anche giornalista presso Serialgamer.it

Potrebbero anche interessarti