Logo Serial Gamer Videogiochi
Logo Serial Gamer Videogiochi
2

Two Point Hospital: Jumbo Edition, tutti in corsia – Recensione

13 Mar 2021 | Recensioni Videogiochi, Nintendo Switch, PC, PlayStation 4, PlayStation 4 Pro, PlayStation 5, Recensioni, Videogiochi, Xbox One, Xbox One X, Xbox Series S, Xbox Series X

Condividi sui Social!

A distanza di tre anni dall’uscita su PC Two Point Studios porta su console la versione completa di Two Point Hospital, la Two Point Hospital: Jumbo Edition, un edizione ricca di contenuti e comprendente tutti i DLC usciti nel corso degli anni.
Il simpaticissimo gestionale incentrato sugli ospedali arriva dunque su console grazie al lavoro di adattamento portato avanti dal team di Red Kite Games che si è occupato di questa versione. Saranno riusciti gli sviluppatori a confezionare un titolo altrettanto valido come successo tre anni fa per l’edizione PC.

Stelle ospedaliere

La campagna principale ci porterà alla costruzione di tutta una serie di ospedali con l’obiettivo di far crescere il prestigio e il valore di ogni ospedale con una valutazione che andrà da una a tre stelle in base a quanto miglioreremo il tutto.
Dopo un breve tutorial che ci introdurrà nel mondo di gioco verremo subito buttati nei panni dell’interior designer con la possibilità di dar vita ad una serie di stanze in aumento ogni passare di livello con l’obbligo di assegnare ad ognuna di quest’ultimo il giusto medico, infermiere o assistenze del caso per farlo rendere al meglio. Appena arrivati infatti in un nuovo ospedale dovremo subito creare la reception e la stanza del medico di base così da accogliere al meglio i primi malati, per poi andare a costruire le moltissime stanze a seconda della problematica che affligge il paziente. Come detto in precedenza a seconda delle strutture dovremo assumere determinati dipendenti con questi che avranno ognuno delle abilità, le quali andranno ad influire anche il loro stipendio, e che andranno gestiti anche per quanto riguarda la stanchezza e il divertimento, in questo caso sarà essenziale allestire una stanza dello staff e addobbare ad hoc tutto l’ospedale facendo così felici anche i pazienti.

two point hospital jumbo edition Serial Gamer

Malati e terapie

Pazienti che saranno folli come le diverse malattie che dovremo affrontare, tra persone con la testa di lampadina e sosia di Freddie Mercury ce ne sarà davvero di tutti i gusti con morbi decisamente fantasiosi che andranno curati con appositi macchinari e terapie anch’esse fuori di testa. Ogni volta che andremo avanti con i vari ospedali sbloccheremo sempre più malattie e con queste anche i problemi dato che dovremo gestire al meglio soldi, personale e strutture; capiterà spesso che i pazienti soccomberanno alle malattie se non gestiti a dovere, questi si trasformeranno in fantasmi che andranno ad importunare i malcapitati malati e l’unico modo per fermarli sarà quello di assumere un inserviente con l’apposita abilità di Acchiappafantasmi che metterà fine alla minaccia.
Alla base di tutta la struttura poi ci sarà il fattore monetario: i soldi infatti saranno uno degli elementi fondamentali della buona riuscita dei vari ospedali con l’obiettivo delle missioni che sarà guadagnare sempre di più per permettersi sempre più stanze adibite alle cure dei pazienti fino ad arrivare all’acquisto dei terreni limitrofi per espandere ancor
di più le nostre possibilità. Proprio in questi casi bisognerà trovare il giusto equilibrio tra le spese, che comprenderanno gli stipendi, le strutture e le manutenzioni varie degli oggetti, e i guadagni, banalmente dovuti al numero di pazienti che verranno curati e dai prezzi che assegneremo alle varie cure tramite l’apposito menù. Ovviamente ci saranno anche altre variabili visto che avremo la possibilità di investire sulla sperimentazione e sulla ricerca delle patologie per riuscire
a curarne il più possibile; oppure dovremo spendere parte dei nostri guadagni per aumentare lo stipendio dei dipendenti o anche per formarli e renderli più eclettici o resistenti, passando da lavoratori con poca esperienza a primari del settore.

Qm1isu9 Serial Gamer

Piacevoli corsie ospedaliere

A livello artistico e grafico il titolo si presenta bene con un stile cartoonesco che riesce a dare un buonissimo colpo
d’occhio tra dettagli delle strutture mediche e personaggi a schermo che, andando avanti con le missioni, aumenteranno sempre di più rimanendo però ben fatti e piacevoli da osservare in movimento e mentre saranno alle prese con le simpatiche terapie.
Anche dal lato tecnico il titolo si presenta in forma senza alcun tipo di problemi di cali di frame rate o magagne grafiche, riuscendo ad essere godibile in ogni situazione.

two point hospital ghosts mummies Serial Gamer

Medici definitivi

La versione definitiva di Two Point Hospital, intitolata Jumbo Edition, approda su console e lo fa nel migliore dei modi con moltissime ore di gioco sia grazie alla campagna principale sia ai quattro pacchetti aggiuntivi compresi, ovvero Bigfoot, Isola Pebberley, Incontri ravvicinati ed Evviva l’ambiente che portano diverse ore in più tra nuovi ospedali, malattie e macchinari inediti ed ambientazioni che spaziano da location invernali a luoghi tropicali. Il titolo è di sicuro uno dei gestionali migliori in circolazione che rimane consigliato per tutti gli amanti del genere ma anche per chi vuole approcciarsi a queste tipologie di produzioni.

*Versione Testata: PS4, grazie al codice fornitoci dal publisher

Condividi sui Social!

Two Point Hospital: Jumbo Edition

7.9

Gameplay

8.5/10

Grafica

8.0/10

Sonoro

7.0/10

Longevità

8.0/10

Pro

  • Buonissimo editor degli ospedali
  • Ore ed ore di gameplay

Contro

  • In alcune occasioni i medici si spostano da soli

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

 Seguici su: