Cinema Film News

European Film Academy: appello per il ritiro delle accuse nei confronti del regista russo Kirill Serebrennikov

Oggi, venerdì 26 giugno, il tribunale del distretto Meshchansky di Mosca dovrebbe emettere il verdetto nel processo per appropriazione indebita contro Kirill Serebrennikov, un importante regista teatrale e cinematografico russo e i suoi co-imputati: Sofia Apfelbaum, Alexei Malobrodsky e Yuri Itin.

L’International Coalition for Filmmakers at Risk (ICFR) e i suoi promotori, la European Film Academy (EFA), l’International Documentary Film Festival Amsterdam (IDFA) e il Rotterdam International Film Festival (IFFR), insieme a PEN America’s Artists At Risk Connection (ARC) e con Human Rights Watch, Human Rights Film Network, nonché International Documentary Association (IDA), il Festival Internazionale del Cinema di Ginevra e il Forum sui Diritti Umani (FIFDH) e la Federazione Europea dei Registi Cinematografici (FERA), chiedono all’accusa di lasciar cadere immediatamente le accuse penali nei loro confronti.

Il 22 giugno, in chiusura di dibattimento, l’accusa ha chiesto alla corte di condannare Serebrennikov a sei anni di carcere e pene che vanno dai quattro ai cinque anni per i suoi co-imputati. L’accusa ha anche chiesto che venisse sanzionato con una multa di 8000 rubli (€ 10.300).

Serebrennikov è il Direttore Artistico del Centro Gogol di Mosca, che ha trasformato in un importante polo culturale.

Nel 2017, Serebrennikov e i suoi co-imputati sono stati accusati di essersi indebitamente appropriati di 129 milioni di rubli (1,66 milioni di euro) del progetto artistico “Platform”, che aveva ricevuto finanziamenti statali per promuovere la danza moderna, il teatro e la musica in Russia. Tra le imputazioni,  anche la falsa accusa che uno degli spettacoli di Platform non avesse avuto luogo, quando in realtà è stato messo in scena numerose volte. Le persone che hanno partecipato alla performance ne hanno dato conto sui social media usando su Facebook l’hashtag # ябылнаплатформе (ero a Platform). Se effettivamente ci fossero state irregolarità finanziarie nella contabilità del progetto Platform, c’erano altri modi in cui le autorità avrebbero potuto risolverle.

L’accusa di appropriazione indebita sembra essere un modo neanche troppo velato di vendicarsi di Serebrennikov per le sue critiche politiche, inviando così un messaggio minatorio ad altri artisti, che non hanno altra scelta che accettare finanziamenti statali per portare avanti il proprio lavoro,  affinché si astengano dall’esprimersi criticamente.

Noto per le sue critiche verbali al Cremlino, Serebrennikov sì è espresso su una vasta gamma di temi. Ha criticato la persecuzione delle persone LGBTQ e, in relazione a ciò, le interferenze della Chiesa russo-ortodossa nella società. Ha espresso preoccupazione per l’aumento degli interventi censori – tra cui l’arresto di esponenti del collettivo punk Pussy Riot – e del crescente autoritarismo in Russia. Ha anche criticato il coinvolgimento della Russia nella guerra russo-georgiana.

A seguito delle accuse che gli sono state mosse nel 2017, Serebrennikov è stato messo agli arresti domiciliari per quasi due anni, fino ad aprile 2019, quando è stato rilasciato su cauzione.

Molti in Russia e in tutto il mondo si sono espressi contro l’accanimento infondato nei confronti di Serebrennikov. Il caso è considerato un tentativo pretestuoso di punirlo per il suo candore politico e il suo anticonformismo artistico. E proprio la comunità artistica in particolare si è mobilitata in sua difesa. Il leggendario ballerino Mikhail Baryshnikov ha dichiarato: “Un artista di cui la Russia dovrebbe essere orgogliosa viene degradato e umiliato” e ha definito la “repressione” nei confronti di Serebrennikov da parte del governo meramente politica. Quando Serebrennikov fu preso di mira per la prima volta, moltissimi esponenti della cultura si mobilitarono con una petizione in cui si chiedeva alle autorità russe il suo rilascio, a cui hanno aderito, ad oggi, più di 54.000 firmatari.

In Russia, è estremamente difficile per gli artisti sopravvivere senza aiuti dallo Stato. Il prezzo da pagare per coloro che chiedono e accettano finanziamenti statali per la loro attività artistica  non può però essere la perdita del diritto alla libertà d’espressione.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti