Multipiattaforma PC PlayStation 4 Speciali Xbox One

E3 2018: Quali attrazioni nel Luna Park Bethesda? – Speciale

Ci troviamo indubbiamente nel periodo più elettrizzante e denso dell’anno, dove le menti degli appassionati si alternano fra focosi desideri e impegnate speculazioni circa ciò che verrà e/o non verrà mostrato nelle conferenze cha anticipano l’Electronic Entertainment Expo. Quindi prima di riunire gli amici, preparare i popcorn e riscaldare i motori della macchina del caffè (per evitare di collassare in nottata) fottiamoci letteralmente il cervello cercando di capire cosa Bethesda nasconde tra le attrazioni del suo enorme parco giochi.

Chris “Fallout” Avellone

Caliamo immediatamente uno dei pezzi grossi, parlando dell’ultimo arrivato Fallout 76 che a quanto pare non sarà un capitolo principale, ma uno spin off della serie in stile New Vegas anche se prodotto dal team principale di Bethesda; le dichiarazioni di Todd Howard in passato parlavano effettivamente dell’esistenza di un paio di progetti prima di qualcosa di così imponente come un capitolo principale di Fallout e questo presunto spin-off potrebbe essere uno di quelli. Possibile, e auspicabile, il coinvolgimento di Chris Avellone, noto e talentuoso sceneggiatore che in passato partecipò attivamente allo sviluppo proprio di Fallout New Vegas e del più recente Prey, poiché negli ultimi mesi dell’anno appena trascorso ha espresso in alcuni tweet tutto il suo amore per la saga di Fallout attraverso un’immagine stilizzata di se stesso che abbraccia un Vault Boy, ciò che fa pensare è però la frase in allegato al tweet:” I missed you so much…” (“Mi sei mancato tanto”).

Questa frase può voler dire tutto e il contrario di tutto, interpretare malamente e viaggiare con la fantasia è questione di attimi, ma siccome noi siamo qui esattamente per questo il pensiero che possa essere coinvolto più o meno attivamente in un altro spin-off della serie per colmare l’attesa di un ipotetico e lontano Fallout 5 non è da escludere totalmente anche considerando le basse probabilità.

Non mancheranno sicuramente aggiornamenti su Fallout Shelter, il quale potrebbe giovare di una schedule di update abbastanza densa per poi culminare con qualcosa di più considerevole per il periodo natalizio.

Star-Elder Scrolls-field

Considerando che non crediamo possibile un annuncio in pompa magna di un nuovo capitolo nemmeno per la saga di The Elder Scrolls purtroppo, ne approfittiamo per abbassare il tiro, ma non troppo in realtà, analizzando alcune succose possibilità.

Sia Pete Hines che Todd Howard hanno spesso e volentieri ribadito la presenza di un paio di grosse produzioni prima dell’arrivo di un nuovo The Elder Scrolls; proprio l’anno scorso, sempre in periodo pre E3 fecero capolino alcuni rumor inerenti ad una misteriosa proprietà intellettuale di nome Starfield, col passare del tempo nulla di ufficiale è trapelato, ma rimane il fatto che i rumor stanno diventando parecchio insistenti nell’ultimo periodo anche se poveri di dettagli purtroppo.

È difficile scostarsi al di là del labile confine fra possibilità e desiderio, ma Starfield potrebbe effettivamente essere la grande bomba sci-fi di Bethesda per quest’anno e conseguentemente far parte di uno di quei due grandi progetti citati proprio dagli sviluppatori.

DishoNOred

Se da un lato risulta scontata la presenza di Arkhane Studios in fiera, molto meno l’annuncio di un terzo capitolo di Dishonored il quale, insieme al sottovalutatissimo Prey, non ha avuto grande fortuna in termini di copie vendute. Detto ciò ci affidiamo alle ultime dichiarazioni della stessa Arkhane, la quale effettuerà una virata nei confronti di un titolo più incentrato sul multiplayer; dal canto nostro speriamo che non sia solo un’espediente per far cassa dopo gli insuccessi commerciali dei titoli di cui sopra e che gli sviluppatori tirino fuori il proverbiale coniglio dal cilindro al quale ci hanno sempre abituato.

Arkhane Studios negli ultimi anni è parecchio cresciuta e può vantare due team principali all’attivo, crediamo quindi più che possibile l’annuncio della fantomatica espansione di Prey ambientata sulla Luna spesso e volentieri citata su Twitter nell’ultimo periodo.

Rage doomed Doom

Bisogna ammettere che il pensiero di un annuncio del sequel di Doom all’E3 ha percorso le nostre menti per lunghi tratti negli ultimi mesi, ma il castello di carte è crollato non appena Bethesda ha confermato i rumor su Rage 2 uscendosene con un vero e proprio annuncio con tanto di trailer e gameplay. Cosa vedremo quindi in conferenza? Quasi sicuramente non Doom, il quale pensiamo sia in sviluppo, ma sovrapporlo a Rage non sarebbe una gran idea dal punto di vista commerciale; allo stesso modo un nuovo capitolo di Wolfenstein è decisamente improbabile anche se sicuramente sarà almeno in fase di concettualizzazione. In definitiva scopriremo probabilmente che tipo di struttura di distribuzione hanno intenzione di presentare con Rage 2, del quale vedremo quasi sicuramente tutto il necessario.

Conclusioni

Arrivati alla fine sono più i dubbi e i no che altro, tutto ciò va però in contraddizione con le dichiarazioni di Pete Hines il quale si è leggermente sbilanciato fornendo qualche indizio sulla lunghezza della conferenza (dicendo che durerà molto, ma sicuramente sotto le 3 ore), la cosa ci fa ben sperare perché da un lato i dubbi potrebbero diventare certezze e i no trasformarsi in annunci veri e propri.

Le cartucce a disposizione sono veramente tante, la possibilità di titoli completamente nuovi non è assolutamente da escludere, e quindi l’E3 2018 di Bethesda si prospetta tanto succoso quanto misterioso; noi non vediamo l’ora di vedere diradarsi la coltre di fumo e aprire le porte di un Luna Park che siamo sicuri sarà ricolmo di attrazioni.

Potrebbero anche interessarti