Anteprime PC Speciali Xbox One

Ghost of a Tale – Anteprima

Ghost of a Tale Anteprima Serial Gamer

Nel panorama videoludico degli action adventure è difficile differenziarsi al giorno d’oggi dato che i titoli di questo genere abbondano, ma il nuovo gioco dei ragazzi di SeithCG, Ghost of a Tale, cerca di fornire ai giocatori un’esperienza diversa e particolare, dando vita ad una produzione caratterizzata dal protagonista dell’avventura, un piccolo topo di nome Tilo, disponibile da oggi in Early Access anche su Xbox One tramite il servizio ID@Xbox.

Sviluppato da un piccolo team che vede tra le principali figure Lionel “Seith” Gallat, animatore professionista che ha lavorato con Dreamworks e Universal Studios, il quale ha creato il 90% dell’art design del titolo, con la collaborazione di Paul Gardner, un game designer d’esperienza, Cyrille PaulhiacJeremiah Pena il compositore del gioco e Nicolas Titeux il responsabile del Sound Design.

Una storia di ratti

Ghost of a Tale, come detto in precedenza, metterà il giocatore nei panni di Tilo un piccolo roditore che come lavoro fa il menestrello, imprigionato in una misteriosa isola chiamata Periclave, con gli unici obiettivi di trovare una via di fuga dall’isola e di ricongiungersi con sua moglie, un’altra topolina dispersa nei meandri della roccaforte.

All’inizio del gioco il protagonista si risveglierà all’interno di una prigione, non si sa come ci sia finito o il perché di questa situazione, ma poco importa dato che da lì a poco potremo tranquillamente uscire attraverso la chiave presente sotto ad un piatto pieno di cibo, che ci consentirà di iniziare la nostra avventura nel mondo topesco.

Appena fuori dalla cella ci troveremo di fronte alle prime difficoltà dato che ovviamente saranno presenti le guardie della prigione che non saranno d’accordo con la nostra uscita prematura dalla gattabuia, quest’ultime infatti faranno di tutto per impedirci la fuga, facendo diventare le prime fasi di gioco praticamente delle sezioni principalmente stealth facendo attenzione a non farsi individuare. Il giocatore avrà diverse possibilità per proseguire nel gioco, potendo utilizzare una sorta di camminata molto lenta con il tasto posteriore destro oppure correre più velocemente con quello sinistro ma ovviamente con la controindicazione di fare più rumore ed essere sentito più facilmente dai nemici. Data la forte componente stealth del gioco saranno presenti diversi oggetti e luoghi dove nascondersi come barili, tavoli, contenitori e così via, con la possibilità di salvare una volta al sicuro da sguardi nemici.

In tutto ciò non ci sarà solo la missione principale da affrontare, ma anche una serie di secondarie molto interessanti che si potranno trovare in giro anche tramite i vari NPC presenti nel gioco, che varieranno da ratti ad alcuni simpatici animali, i quali ci aiuteranno nello scoprire informazioni o in alcune determinate azioni, ma con qualche oggetto da portare in cambio come per esempio un martello da fabbro, del vestiario e così via.

Ghost of a Tale

Uno spirito GDR

Nel titolo sarà anche presente uno spirito GDR dato che sarà possibile aumentare alcune statistiche chiave del ratto, ma non attraverso livelli e oggetti, bensì equipaggiando diverse armature e indumenti che andranno appunto ad inficiare su alcuni fattori come la vita, la stamina o la rigenerazione di quest’ultima ma anche sul gameplay dato che alcune permetteranno di muoversi in maniera più stealth come il set da ladro oppure di andare in giro decisamente più appesantiti con l’armatura da guardia che permetterà sì di muoversi liberamente, ma una volta scoperti sarà decisamente la nostra condanna a morte non permettendo di saltare o correre.

Oltre alle caratteristiche sopracitate si potranno anche aumentare la resistenza alle cadute oppure al veleno, che sarà presente in certe aree diventando anche letale in alcune occasioni.

Ciò detto, di sicuro la componente stealth la fa da padrone dato che una volta individuati dai grossi ratti di guardia non potremo difenderci in alcun modo, rendendo per ora l’abbigliamento più pesante decisamente controproducente ed utilizzabile in poche occasioni rispetto agli altri che permetteranno più varianti e combinazioni di mosse.

Sarà inoltre presente un’apposita sezione nel menù dedicata alla lore che potrà essere conosciuta attraverso l’esplorazione e il ritrovamento di oggetti specifici come libri, fogli e testimonianze dei vari personaggi presenti, di sicuro un’aggiunta gradita per i giocatori più attenti al background di un titolo.

Ghost of a Tale

Un ambiente curato

Dal punto di vista degli ambienti Ghost of a Tale strizza l’occhio anche in questo caso al fattore stealth con la presenza quasi sempre di scorciatoie per superare i più agguerriti ratti e l’opportunità di nascondersi praticamente ovunque andando proprio a marcare questa via di gameplay.

Il tutto è riportato al meglio dal design del personaggio, che risulta ben fatto con la possibilità di caratterizzarlo sia stando attenti alle statistiche ma anche di basarsi sul vestiario che si preferisce per intraprendere le varie scorribande tra la roccaforte.

Anche gli scorci che propone il titolo sono di discreta qualità con interni ed esterni ben curati e degli NPC ben diversificati e abbastanza complessi anche a livello caratteriale, con alcuni più presuntuosi, altri più furbi o taluni più gentili.

Per quanto riguarda il comparto tecnico di Ghost of a Tale, si può notare qualche difetto a volte nel frame rate, con qualche calo, oppure qualche difficoltà della telecamera soprattutto negli ambienti chiusi, tutto ciò condito da qualche sporadico crash dell’applicazione. Ovviamente stiamo parlando di un titolo appena uscito in Early Access su Xbox One e quindi lontano dalla versione definitiva che sicuramente risulterà migliore e con gli sviluppatori che avranno la possibilità di risolvere i pochi problemi di questa natura.

Ghost of a Tale

Una bella sorpresa

Ghost of a Tale è di sicuro una sorpresa nel panorama videoludico attuale dato che riesce a trovare la giusta chiave per attirare il giocatore nelle avventure di Tilo, con una natura principalmente stealth ma che strizza l’occhio anche ad una componente GDR che sicuramente potrà essere ampliata col passare del tempo e dello sviluppo, con alcuni innesti che potrebbero aumentare la diversificazione tra le varie opportunità.

Di sicuro l’opera di SeithCG merita il prezzo del biglietto, una ventina di euro, ed essendo solo in Early Access è un titolo validissimo che promette di essere una piccola sorpresa una volta disponibile nella sua versione completa.

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti