Fumetti News

The Fuse: il secondo volume uscirà venerdì 11 agosto

TheFuse_Cover

Uscirà venerdì 11 agosto il secondo volume della serie scritta da Antony Johnston e disegnata da Justin Greenwood, The Fuse, intitolato Gridlock ed edito in Italia da SaldaPress.

Ecco il comunicato stampa che la casa editrice emiliana ha diffuso nella giornata di ieri:

Klem Ristovych è un ex ingegnere e ha contribuito alla costruzione della gigantesca stazione orbitante conosciuta come Fuse ed è diventata la detective più esperta – nonché la più irascibile – del Dipartimento di Polizia di Midway City.

Il suo collega Ralph Dietrich si è offerto volontario per la sezione Omicidi, ma nessuno ha ancora capito perché un bravo poliziotto come lui abbia abbandonato la Germania per andare a lavorare su una stazione orbitale. Insieme dovranno risolvere il caso della morte di Starlight, il miglior pilota dello sport più popolare del Fuse: il Gridlocking.

TheFuseVol2

Il secondo volume di The Fuse, intitolato proprio Gridlock (pagg. 160, euro 14.90), parte da queste premesse, per immergere i lettori in una nuova, serrata indagine. Anche il caso all’apparenza più semplice, infatti, può complicarsi terribilmente a 36.000 chilometri dalla Terra e questo per i due detective significherà affrontare tutti i problemi che dilaniano quella che ora chiamano casa: terrorismo, traffico di armi, ingiustizie sociali e persino un conflitto mai sopito tra gli abitanti della Terra e quelli del Fuse.

Gridlock, scritto dal sorprendente Antony Johnston e disegnato con tratto rapido ed espressivo da Justin Greenwood, è la conferma quanto possa essere affascinante lo space-noir a fumetti, il genere inaugurato da The Fuse.

Appuntamento in libreria, in fumetteria e nello shop online del sito saldapress.com a partire da venerdì 11 agosto.

Trovate la nostra recensione del primo volume di The Fuse a questo indirizzo, mentre nei prossimi giorni troverete, sempre ad opera di Mattia, la recensione di questo secondo volume, intitolato Gridlock.

Paolo Lorenzini

Editor in chief di Serial Gamer, dopo anni di gavetta su diversi portali videoludici ne crea uno nuovo perché crede in un'informazione libera ed obiettiva.

Potrebbero anche interessarti