Anteprime Nintendo Nintendo Switch Speciali

Mario + Rabbids Kingdom Battle: follia strategica – Anteprima

Mario + Rabbids Kingdom Battle

All’apertura della conferenza E3 2017 di Ubisoft siamo stati sorpresi da un gioco inaspettato, non tanto per il cast di personaggi, che ormai era già emerso da numerose voci di corridoio confermate, ma piuttosto per le meccaniche proposte e per quanto bene siano state adattate alla folle fusione di due mondi; il titolo presentato è Mario + Rabbids Kingdom Battle e, come ci si può aspettare da un qualsiasi gioco che ha Rabbids nel titolo, la “demenzialità” è alta e anche l’umorismo non manca. Cos’ha quindi  di così particolare questo titolo da risultare inaspettato per i fan? Il fatto che sia stato scelto di creare intorno a questi personaggi un gioco strategico dalle meccaniche abbastanza complesse, che permetteranno ai giocatori di creare molte tattiche, sfruttando le abilità dei singoli personaggi, le coperture, la grande mobilità data dai salti assistiti dagli alleati e le tecniche passive dei giocatori, ma andiamo con calma e analizziamo tutto ciò che sappiamo su questo strano ibrido che è Mario + Rabbids Kingdom Battle.

Per andare a combattere

Parliamo per prima cosa della struttura del mondo, che è diviso in livelli raggiungibili tramite dei percorsi di collegamento in cui, però, saranno presenti alcune sfide per accumulare monete; queste possono essere infatti nascoste in luoghi difficilmente raggiungibili o celate, addirittura, all’interno di labirinti che mutano forma con i nostri movimenti. Abbiamo quindi un metodo di “selezione” della partita che è qualcosa di più di un semplice contenitore o un comune menù, ma una parte integrante del gioco che si può sfruttare per passare un po’ il tempo e spezzare anche i ritmi delle lotte, così da non trovarsi sempre catapultati in una battaglia dietro l’altra.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Fuoco a tutto spiano

Una volta raggiunta l’arena di combattimento la storia cambia e non ci si potrà più rilassare con piacevoli camminate nel Regno dei Funghi, ma bisognerà sfoderare le proprie armi e sconfiggere tutti i Rabbids che sono inspiegabilmente diventati malvagi. Il campo di battaglia è diviso, come nei più tipici strategici, in una griglia composta da quadrati e i comandi potranno essere impartiti seguendo i turni di attività dei personaggi in campo. Si potranno compiere azioni di vario tipo come muoversi normalmente oppure, meccanica particolare del gioco, andare su una casella alleata per farsi catapultare più lontani; proprio grazie a questa manovra si possono creare molti sistemi per avvicinare un nemico, dato che gli spostamenti risulteranno enormemente più variegati rispetto ad altri esponenti di questo genere.

Ovviamente si potrà anche attaccare gli avversarsi, ma bisognerà sempre tenere conto della meccanica di copertura data dall’ambiente (completamente distruggibile) e anche da eventuali aiuti che possono ricevere dai loro compagni o dalla distanza e dalla precisione di tiro di chi stiamo utilizzando. Per aggiungere complessità al titolo sono poi presenti delle abilità specifiche di ogni personaggio, che saranno la chiave per decidere la composizione del gruppo che si vorrà schierare in campo; se tutto questo non fosse sufficiente è anche presente la possibilità di impartire ordini concatenati da far eseguire in successione, così da poter fare, in un singolo turno, per esempio, un movimento seguito da un attacco per poi tornare indietro da un alleato ed eseguire un salto verso una posizione più lontana; fa molto strano riuscire ad avere una così grande libertà decisionale e di manovra in un gioco con Rabbids e personaggi di Mario, ma è molto apprezzabile. Tutti gli appassionati del genere, che hanno giocato in passato a Disgaea o a XCOM potranno ritrovare, quindi, molte di quelle meccaniche chiave di questi titoli riproposte in ottimo modo anche in Mario + Rabbids Kingdom Battle, ma con una vena decisamente più folle e con un cast Molto particolare.

Di grande interesse è anche la presenza di alcune sfide con elementi in campo particolari, su cui bisognerà far ruotare e adattare tutta la strategia di gioco; possiamo per esempio trovare un Categnaccio in giro per l’arena che ci impedirà di passare in determinate zone o potrà essere sfruttato per lanciarci contro degli avversari per causargli ingenti danni, oppure si potrà giocare in mappe dai movimenti ristretti o modificati, rispetto a quelli a cui siamo abituati.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Strani esseri

Abbiamo parlato più volte della stranezza dei personaggi presenti in Mario + Rabbids ed è quindi il momento di vedere chi sono i nostri bizzarri eroi incaricati di salvare il regno dai Rabbids impazziti. Inizialmente, nel trailer, ci viene presentato, ovviamente, Mario che viene affiancato dopo pochi istanti da un Rabbid travestito da principessa Peach e un altro camuffato da Luigi. Saranno loro e il resto del cast proveniente dal mondo di Mario (Luigi, Peach, Yoshi, Donkey Kong, ecc…) e le loro controparti Rabbid a creare il gruppo di salvataggio per il regno, grazie a una buona dose di collaborazione e ad un vasto arsenale di armi personalizzabili.

Mario + Rabbids una strana alchimia

Per quel che si è potuto vedere dai trailer e dalle sessioni di gioco mostrate, il titolo sembra funzionare e anche molto bene, abbiamo infatti uno strategico che pare essere divertente e con tante cose da offrire all’utente grazie alla ricchezza di meccaniche e di ambientazioni. L’unico dubbio che può sorgere è sullo strano connubio dei due mondi, che non va ad aggiungere troppo a quello che può essere un gioco con una base solida, se non una skin applicata sopra in modo abbastanza arbitrario, dato che le abilità dei personaggi sono create ad hoc per far funzionare le meccaniche di gioco e l’arsenale a disposizione dei personaggi è composto da armi specifiche per questo titolo e mai viste prima nei due franchisee.

Mario + Rabbids Kingdom Battle

Certamente i fan dei due brand saranno ben contenti di veder tornare a schermo i propri beniamini e chiunque potrà godere dell’ilarità e della follia dei Rabbids, oltre a trovarsi tra tra le mani un ottimo strategico; non possiamo dunque far altro se non attendere il 29 agosto 2017 per vedere se le impressioni date da questo gioco così particolare corrisponderanno a molte ore di sano divertimento sulla console Nintendo Switch.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Stefano Restuccia

Programmatore folle appassionato di giochi che si diverte anche a parlarne e giocarci e metter le mani in tutto ciò che c'è di tecnologico e legato all'informatica.

Potrebbero anche interessarti