Serial Gamer Logo
Logo serial gamer
2

Il futuro per una realtà di gioco affermata come il Free to play

9 Set 2021 | Extra, News

Condividi sui Social!

Nel 2021, allo stato attuale delle cose il modello free-to-play (F2P) non è certo una novità. Stiamo infatti attraversando un’epoca dove molti giochi l’hanno sostenuto per anni e continuano ad andare forte fino ad oggi. Tuttavia, come in ogni grande gioco di Tetris, diversi fattori hanno iniziato ad allinearsi per aiutare questo modello a prosperare, suggerendo un futuro F2P.

Ci sono molti articoli sulla storia di F2P, come si è evoluto e quali modelli F2P esistono, tuttavia pochissimi tracciano una rotta credibile su dove sia diretto, mentre il fulcro d’interesse è proprio questo. Ora,uno dei motivi potrebbe essere semplicemente che i giocatori, gli editori e gli sviluppatori sono ancora indecisi. Tre giochi che rimangono nelle classifiche e continuano ad accumulare milioni di giocatori: Fortnite, League of Legends e Crossfire, sono tutti F2P. I bambini trascorrono più tempo sulla piattaforma F2P Roblox che su Tiktok, YouTube e Instagram messi insieme e le nuove versioni free-to-play stanno diventando nomi familiari da un giorno all’altro. Genshin Impact è recentemente diventato il primo titolo per dispositivi mobili a superare un bilione di dollari di entrate in meno di sei mesi.

Perché i giochi F2P stanno andandotanto bene

Dall’inizio dei videogiochi, ci sono stati tre modi principali in cui i giocatori sono stati in grado di giocare. Possono pagare in anticipo, pagare per progredire, giocare gratuitamente con gli annunci o utilizzare una versione pirata (che è altamente illegale!). Ci sono eccezioni, ma puoi inserire la maggior parte dei giochi nei primi tre modelli. Tuttavia, vengono tutti con i loro problemi. Lo stesso vale anche per le realtà di gioco appartenenti al contesto del gambling online dove durante il 2020-2021 le slot machine gratis hanno rappresentato una valida alternativa, in funzione del gioco modello demo per principianti.

Quali sono i modelli da seguire?

Pay To Play è il modello tradizionale spesso associato ai giochi per console e PC. Il problema principale è che limiti il ​​tuo pubblico, specialmente all’interno dei mercati emergenti o tra i giocatori più giovani che hanno un accesso limitato al capitale. Pay As You Go include giochi in cui paghi per progredire. Il grosso problema qui è che i giocatori non devono pagare per il tuo gioco, il che significa che una grande percentuale di persone lo ottiene gratuitamente e una piccola percentuale lo supporta. Questo lascia il modello F2P finanziato dalla pubblicità. Uno dei problemi principali era che tradizionalmente gli annunci pubblicitari erano invadenti, di bassa qualità e allontanavano i giocatori dal gioco tramite link cliccabili, il che è un grande no-no quando si tratta di giochi AAA.

In Anzu, siamo in missione per cambiare questo e lavorare con sviluppatori di giochi, inserzionisti e giocatori per produrre annunci in-game che integrino le esperienze di gioco, aggiungendo un senso di realismo al gameplay. Non crediamo che le entrate pubblicitarie debbano essere un compromesso con un’esperienza utente negativa, quindi garantiamo che i nostri annunci si trovino in ambienti in cui ti aspetteresti di trovarli nel mondo reale, come le fermate degli autobus, gli edifici e i cartelloni stradali.

Imparare il meccanismo da altri settori virtuosi è un sistema efficace e utile

Se diamo un’occhiata al settore dei social media, tutti i più grandi canali social, inclusi Facebook, Instagram, Twitter e TikTok, sono gratuiti e finanziati dalla pubblicità. Lo stesso si può dire per i motori di ricerca, alcuni dei siti di notizie più popolari e le grandi reti televisive. Sebbene lo streaming TV sia stato tradizionalmente basato su abbonamento, diverse piattaforme, tra cui Pluto TV, Crackle e Tubi TV, sono tutte finanziate dalla pubblicità e stanno rapidamente guadagnando slancio.

È anche interessante notare che sebbene Netflix sia basato su abbonamento, utilizza il product placement in tutto il suo contenuto originale per aiutare a finanziare il numero crescente di spettacoli che sta realizzando, con un ovvio esempio di Stranger Things e Coca-Cola. Netflix sa che gli annunci che non danneggiano l’esperienza dell’utente e danno un senso all’ambiente sono il futuro della pubblicità. Questi possono essere combinati con altri modelli di business per aiutare a finanziare la crescita futura.

Se guardiamo alle app mobili e all’ecosistema di gioco, possiamo vedere che i finanziamenti pubblicitari sono all’avanguardia con pochissimi utenti ora disposti a pagare per app e giochi. Credo fermamente che dei tre modelli citati, F2P sia di gran lunga il più sostenibile per l’industria dei giochi, ed è qui che stiamo andando. Devi solo dare una rapida occhiata a questi altri settori per vedere questo modello non solo all’avanguardia, ma anche fiorente e prevedo che tra due o tre anni i giochi più pagati diventeranno F2P.

I principali franchise di giochi si stanno già spostando su F2P

Se hai tenuto d’occhio i titoli di recente, saprai che il titolo F2P di Activision Call Of Duty: Warzone ha recentemente raggiunto una pietra miliare di 100 milioni di giocatori. Il gioco era inizialmente un esperimento dell’editore per realizzare una versione F2P di uno dei suoi franchise più amati. I risultati sono stati straordinariamente positivi, con il gioco che ha attirato più attenzione di quanto avrebbero mai potuto immaginare. Parlando di Warzone durante una chiamata sugli utili, il presidente e direttore operativo di Activision Daniel Alegre ha dichiarato: “I giocatori mensili sono cresciuti di oltre dieci volte anno su anno su PC. Cioè, ci sono più di dieci volte il numero di giocatori di Call of Duty per PC rispetto all’anno scorso”.

Condividi sui Social!

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

 Seguici su: