Fumetti Recensioni Recensioni Fumetti

Godzilla all’Inferno: Il crossover che non ti aspetti – Recensione

Godzilla, il re dei mostri che da anni domina il mondo dell’intrattenimento sia su carta che sullo schermo, si trova grazie a James Stokoe (storia, disegni e copertina originale capitolo 1), Bob Eggleton (storia, disegni e copertina originale capitolo 2), Ulises Farinas (storia capitolo 3), Erick Frietas (storia capitolo 3), Buster Moody (disegni e copertina originale capitolo 3), Ludwig Laguna Olimba (assistenza ai colori capitolo 3), Brandon Seifert (storia capitolo 4), Ibrahim Moustafa (disegni e copertina originale capitolo 4), Marissa Louise (colori capitolo 4) e Dave Wachter (storia, disegni e copertina originale del capitolo 5) a vivere una particolare avventura tra le spire dell’inferno. Il 15 Aprile infatti saldaPress porterà nei negozi e online “Godzilla All’Inferno” (“Godzilla In Hell” titolo originale pubblicato da IDW Publishing) in un grande formato decisamente all’altezza dell’albo stesso, che presenta disegni originali per ogni capitolo, quasi nessuna parola e tanta azione tavola dopo tavola. 

UN INFERNO DI KAIJU

Godzilla all'Inferno
Godzilla all'Inferno
Editore:saldaPress
Sceneggiatura:James Stokoe, Bob Eggleton, Ulises Farinas, Erick Freitas, Brandon Seifert, Dave Wachter
Disegni:James Stokoe, Bob Eggleton, Buster Moody, Ibrahim Moustafa, Dave Wachter
Colori:Ludwig Laguna Olimba, Marissa Louise,
Copertina:James Stokoe
Pagine:120
Prezzo:€24,90
Data Di Uscita:15 Aprile 2021

Godzilla come Dante Alighieri (no, non avete letto male): il kaiju più noto al mondo è il poeta che non ti aspetti, intento anche lui ad entrare nel suo inferno personale e a trovarne l’uscita; ogni capitolo è una storia a sé e come tale è disegnata anche in modo diverso.

Le parole sono superflue davanti a queste illustrazioni: ogni capitolo con il suo stile unico e diverso è coinvolgente e dinamico, non ha bisogno di presentazioni ma solo delle onomatopee dei raggi laser o delle urla dei vari mostri leggendari; solamente uno dei cinque è in possesso di un testo vero e proprio, infatti compaiono ai lati delle pagine dei riquadri come delle pergamene con un font medievale, come un bardo che accompagnato dal suo liuto racconta le gesta del prode cavaliere in guerra così questi estratti raccontano le battaglie di Godzilla contro i suoi storici rivali (che non vi dirò perché preferisco che li riconosciate come ho fatto io, restando anche sorpresi dalla presenza di alcuni di essi) dando una nota da poema epico a tutto il capitolo, aiutati certamente dallo stile grafico senza linee marcate e senza bordi neri, ma composto solo da piccoli tratti di colore diversi a comporre un unico bellissimo mosaico

Più classici nell’arte gli altri capitoli, non di certo banali, tendenti al tipico disegno fumettistico made in U.S.A a cui siamo abituati, ma senza la parola scritta ad accompagnare perché, secondo me, sarebbe superflua; Godzilla è solo all’inferno: lotta, soffre, attacca, viene ferito, muore e risorge quasi in ogni tavola del fumetto in un climax ascendente e discendente di disperazione e gloria che come un’onda dell’oceano, da cui lui stesso proviene, va verso il basso e torna verso l’alto di continuo, inesorabile.

La transizione tra un capitolo e un altro non è solo data ovviamente dal repentino cambio di disegni, ma da alcune tavole quasi spoglie, con solo qualche dettaglio del mostro come i suoi occhi o la sua bocca racchiusi in piccoli riquadri bordati di nero che troviamo scemare fino a fine pagina, ricordando, anche solo vagamente, la dissolvenza tra una scena e l’altra tipica dei film anni ’80.

Il Leviatano (come viene chiamato qualche volta nell’albo) è un guerriero dalla Terra desolata e distrutta che non entra negli inferi con timore o paura, ma sparando laser dalla bocca pronto alla guerra distruggendo completamente la porta di ingresso e con la stessa aggressività che ha in ognuno dei suoi 28 film. Ci si aspetta un mostro inumano e crudele e così è quando combatte, ma in molte scene in cui lo troviamo solo, addirittura come intento a riflettere su se stesso, ci sembra quasi di entrare in sintonia con i suoi pensieri e il suo sguardo intenso, fino a comprendere la sua redenzione personale.

CHE L’INFERNO ABBIA INIZIO

In queste 120 pagine al prezzo di € 24,90 troveremo redenzione e guerra di un mostro che è quasi umano per certi versi, ogni pagina è un’opera d’arte a sé e ogni Godzilla che incontriamo è diverso dall’altro ma uguale nella tenacia e nell’irruenza. Per quanto, all’apparenza, un fumetto senza testo può sembrare solo un insieme di immagini senza trama “Godzilla All’Inferno” non ha assolutamente nulla da temere: l’azione rocambolesca, il dinamismo della lotta, i colori accesi, il fuoco della battaglia sono vivi, nitidi e prorompenti in ogni tavola e coinvolgono il lettore al massimo delle loro capacità, anche perché la meraviglia di alcuni disegni non è avida di stupore. 

Volendo concludere, la spettacolarità di queste pagine è indiscussa e in versione cartacea rispetto a quella digitale (soprattutto per il formato gigante) assumerà sicuramente uno spessore notevole, diventando un oggetto raro da possedere e da esporre con fierezza. 

Si “legge” velocemente ma resta impresso, viene voglia di prenderlo ancora e ancora tra le mani per goderne la bellezza, chi ama il re dei mostri vorrà possederne sicuramente una copia al più presto da mettere al fianco di qualche cofanetto dei film o di qualche giocattolo vintage ancora pieno di fascino. Io personalmente sono cresciuta, come molti altri lettori credo, insieme alla leggenda di Gojira e dei suoi mostruosi rivali alieni e tutto ciò che trasuda battaglie epiche e scontri memorabili attira la mia attenzione e mi invoglia all’acquisto: “Godzilla all’Inferno” è già nel mio carrello, pronto per essere comprato…e voi, cosa aspettate? 

*Recensione effettuata grazie ad una copia digitale ricevuta da saldaPress

Godzilla All'Inferno

€ 24,90
8.5

Voto Serial Gamer

8.5/10

Share and Enjoy !

0Shares
0 0