PC Recensioni Recensioni Videogiochi

Microsoft Flight Simulator: Ritorno in Cabina di Pilotaggio! – Recensione

Torre di controllo siamo pronti a decollare! In occasione del ritorno della più celebre saga di simulatori di volo il team di Serial Gamer Italia è pronto a salire a bordo e godersi dall’alto l’esperienza del volo, ora mai come prima!

La serie di Flight Simulator non ha bisogno di presentazioni: nata nel 1982 la saga dei simulatori di volo di Microsoft ha attraversato essenzialmente tutte le generazioni videoludiche e le piattaforme PC, e ora, a distanza di 6 anni dalla sua ultima uscita, si rinnova con Flight Simulator 2020, nel modo più alto possibile. Sviluppato da Asobo Studios ed edito appunto da Microsoft, il titolo ci butta sin da subito nell’idea di essere il capitano in una cabina di pilotaggio, con tutto quello che ne consegue: si capisce ben presto che le nostre performance sono legate ad una necessità di eccellere propria di chi sa di avere la responsabilità di portare in cielo un bestione di diverse tonnellate e di fare si che tutto fili liscio.

Se queste nostre performance saranno più simili ad un vero e proprio videogioco oppure ad un efficiente simulazione verrà deciso all’avvio dell’applicazione, quando dovremo settare la difficoltà di “gioco”, tenendo conto che la più bassa sarà accessibile a chiunque, mentre la più alta viene utilizzata dai piloti di linea professionisti come addestramento e allenamento. Ai coraggiosi grandi responsabilità dunque, ai più rilassati la soddisfazione del viaggio.

Una volta completati i preparativi potremo dunque partire: pur mancando qualsiasi modalità carriera, Microsoft Flight Simulator 2020 propone ora le sue classiche modalità tanto conosciute quanto gradite: sono presenti i lunghi voli panoramici, le ardue sfide di atterraggio, che ci porteranno a fare poggiare il nostro bestione a terra nelle più variegate situazioni, e soprattutto l’amato volo libero, dove una volta che saremo entrati nel nostro abitacolo ci permetterà di scegliere in totale autonomia rotte, scali e destinazioni da inseguire. L’esperienza di volo è del tutto soddisfacente a qualsiasi difficoltà, e la fedeltà con la quale gli sviluppatori hanno reso la sensibilità di volo in un mondo di gioco praticamente identico a quello reale è del tutto encomiabile.

Parlando della mappa di gioco è giusto soffermarsi sul lavoro titanico di Asobo Studios: l’intero pianeta è stato inserito all’interno di Microsoft Flight Simulator grazie alle mappe di Bing e alle infrastrutture di Microsoft, con anche 37.000 aereoporti.

L’impatto grafico a schermo è a dir poco sensazionale, grazie all’impiego del Cloud di Microsoft Azure che favorisce un rendering perfetto: indubbiamente il colosso di Redmond non è andato per il sottile nel mettere a disposizione di Asobo le sue sopracitate infrastrutture, e gli sviluppatori hanno saputo sfruttare egregiamente le enormi possibilità a loro disposizione.

In uno sguardo d’insieme si può dire che Microsoft Flight Simulator 2020 sia proprio questo: un dispiegamento di forze poderoso da parte dell’editore e un impiego magistrale delle suddette forze da parte dello sviluppatore per fare tornare alla ribalta la serie Flight Simulator davvero in pompa magna.

Il risultato è eccezionale e il più famoso simulatore di volo mette nero su bianco la sua superiorità anche questa volta, forte di tecnologie inimmaginabili anche semplicemente 10 anni fa. Siete tutti invitati a bordo: mettetevi comodi (ma non troppo) e godetevi il volo dall’inizio alla fine.

*Versione testata: PC, grazie al codice fornito dal publisher

Microsoft Flight Simulator

8

Gameplay

8.0/10

Grafica

8.0/10

Sonoro

7.0/10

Longevità

9.0/10

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Pietro Ferri

Senior Editor di Serial Gamer, è un appassionato di videogames fin da tenera età. Si interessa con dedizione all'approfondimento di qualunque forma d'arte che riesca a trasmettergli emozioni

Potrebbero anche interessarti