Multipiattaforma PC PlayStation 4 Speciali Xbox One

Eso Plus in prova gratuita: Siamo tutti più borghesi su The Elder Scrolls Online

È la prima volta da veramente molto tempo che scrivo riguardo The Elder Scrolls Online iniziando con un intro che preannuncia ottime novità, ma ehi, ottime novita!

Generalmente ci troviamo qui e subito vi aggiorno sull’avvento di congreghe di streghe incazzate, draghi che si sono svegliati dalla parte sbagliata del letto e daedra che, beh, si dedicano al daedra stuff.

Oggi invece a rendere meno gravoso il peso del mondo sulle spalle dei nostri eroi ci hanno pensato gli sviluppatori: a partire dall’appena trascorso 20 aprile e fino al prossimo 27, Bethesda e Zenimax infatti hanno reso disponibile per tutti i giocatori e in maniera assolutamente gratuita tutti i vantaggi dell’ESO Plus, il servizio di abbonamento mensile per il maestoso MMORPG. Se ESO infatti può essere tranquillamente fruito senza necessità di abbonamenti, il gioco prevede già da anni questo servizio chiamato ESO Plus, che invece richiede un pagamento mensile per dare accesso a contenuti esclusivi e facilitazioni che sono sempre risultate comunque bilanciate in modo da non rendere i giocatori che sottoscrivono il pass troppo avvantaggiati o in grado di bullizzare gli altri, sempre però offrendo delle facilitazioni che valgano il prezzo dell’acquisto.

Dal 20 aprile dunque, recandoci sul crown Store potremo tutti ottenere la nostra Free trial di una settimana, ma cosa ci metteremo così facendo in tasca?

Innanzitutto, una tasca più grande: con l’accesso a Eso Plus infatti vedremo esaudito il desiderio proibito di tutti i veterani del gioco, dei crafter e dei giocatori abbastanza mentalmente labili da non sopportare il disordine negli inventari (indovinate a quale categoria appartengo): La Craft Bag.

La Craft Bag è una parte supplementare del nostro inventario dove potremo riporre tutti i materials di creazione per qualunque ramo, che siano blacksmithing, woodworking o leatherworking in maniera del tutto illimitata e senza oberare oltre lo spazio del nostro inventario: una vera e propria manna per i giocatori assidui che devono avere a che fare con innumerevoli stack di materiali che rendono pesante la navigazione nell’inventario e, personalmente, il primo motivo per cui ho sempre voluto sottoscrivere l’abbonamento.

Non meno importante è l’accesso che ESO Plus da automaticamente a tutti i DLC del gioco senza bisogno di sborsare ulteriore pecunia: fatta esclusione degli aggiornamenti annuali (Morrowind, Summerset, Elsweyr e Greymoor) che saranno comunque da acquistare separatamente, ogni contenuto aggiunto al gioco base, che siano queste nuove aree, dungeon o quests, già dal momento dell’uscita delle espansioni sarà automaticamente sbloccato sull’account dei possessori dell’abbonamento: si tratta in ultima analisi del modo migliore di avere esperienza del gioco, a patto ovviamente che siate degli abitueè.

A questo si aggiunge infine, ma non per questo di minore importanza nell’economia dell’ESO giocato, un boost perenne del 10% all’esperienza del personaggio, alla ricerca dei tratti del crafting e al guadagno di denaro in game, oltre ad un ulteriore aumento dello spazio in banca, che addirittura raddoppia per i possessori dell’ESO Plus.

Insomma l’abbonamento a ESO plus è di base un ottimo investimento dal punto di vista del rapporto qualita dei contenuti/prezzo e i vantaggi che offre sono davvero ottimi per tutti i giocatori. Questi diventano anche più fruibili ovviamente dai giocatori che giocano assiduamente al titolo fino a porsi come essenziali per la grossa fetta di Player che quotidianamente vive le sue avventure a Tamriel. Con questa iniziativa da parte degli sviluppatori in ogni caso chiunque ha la possibilità di provare in prima persona tutti i succulenti vantaggi dell’abbonamento e poi, dopo aver valutato se per ognuno di loro il gioco vale la candela, decidere se semplicemente ringraziare oppure regalarsi l’esperienza di gioco più croccante su The Elder Scrolls Online

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Pietro Ferri

Senior Editor di Serial Gamer, è un appassionato di videogames fin da tenera età. Si interessa con dedizione all'approfondimento di qualunque forma d'arte che riesca a trasmettergli emozioni

Potrebbero anche interessarti