Multipiattaforma News

Fortnite sarebbe sfruttato dalla malavita per riciclare il denaro, secondo un quotidiano inglese

Se c'è il titolo di un gioco che è ormai nella bocca di tutti: grandi, piccini, giocatori, non giocatori, genitori, televisioni, giornalisti ecc.. è Fortnit

Se c’è il titolo di un gioco che è ormai nella bocca di tutti: grandi, piccini, giocatori, non giocatori, genitori, televisioni, giornalisti ecc.. è Fortnite. È il gioco più popolare e più giocato dell’ultimo periodo videoludico e conta un’utenza di più di 200 milioni di persone.

Una cosa oramai comune a moltissimi giochi, sono gli acquisti in game; e anche nel titolo citato in questo articolo è possibile farli, usando la moneta virtuale chiamata V-Buck. Potrà suonare strano, ma Fortnite è diventato un modo, da parte di organizzazioni criminali, per riciclare denaro sporco.

I dettagli di queste operazioni sono state riportati da Indipendent (quotidiano britannico online) in collaborazione con Sixgill. Il tutto, secondo i giornalisti britannici, avveniva tramite delle carte di credito rubate, e coi soldi al loro interno venivano fatti acquisti attraverso il negozio di Fortnite, e poi venduti nel famosissimo sito eBay.

In base alle informazioni ottenute, i criminali hanno intascato più di 250 mila dollari. I tecnici che lavorano per Sixgill si sono finti delle persone interessate ad acquistare tali contenuti, e durante la fase di dialogo si sono trovati di fronte a persone che parlavano varie lingue, dall’inglese al cinese, per passare al russo fino all’arabo.

La Epic Games ancora non ha fatto nulla per rimediare a tale problema. Questo è quanto affermato da Benjamin Preminger, intelligence analyst senior di Sixgill, all’Independent. Aggiunge che bloccare del tutto operazioni del genere è molto difficile, ma almeno si potrebbero prendere delle contromisure per diminuire il più possibile tale fenomeno. Nel 2018 si è assistito ad un numero agghiacciante di truffe: ben 53 mila, secondo quanto ha riportato la società di sicurezza informatica Zerofox.

Riuscirà Epic Games a risolvere il problema, oppure dovremo assistere ancora a tali furti?

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Samuele Gugliotta

Studente presso l'Accademia di Belle Arti di Catania, durante la sua crescita nutre una sempre più grande passione per il mondo del cinema. E' anche un apprezzatore di libri, fumetti e anime.

Potrebbero anche interessarti