Serial Gamer Logo
Logo serial gamer
2

Infinity+ celebra la Giornata della Terra con una selezione di titoli sull’ambiente e la salvaguardia del pianeta

22 Apr 2021 | Cinema, News, Serie TV

Condividi sui Social!

Oggi, giovedì 22 aprile, ricorre la Giornata della Terra e, per l’occasione, Infinity+ propone una selezione di titoli co-finanziati da Infinity LAB per celebrare l’ambiente e la salvaguardia del pianeta.

La docu-serie in 8 episodi Green Storytellers segue due viaggiatori, Marco Cortesi e Mara Moschini, in un avventuroso viaggio a impatto zero alla scoperta delle storie di coloro che con creatività, coraggio e inventiva hanno scelto di impegnarsi in prima persona per un futuro migliore, più sostenibile e solidale, in una nuova consapevolezza nata dall’emergenza Covid.Green Storytellers trasporta il pubblico in un’avventura in prima persona per andare a conoscere chi ha fatto dell’ambiente, dell’economia sostenibile, della solidarietà e dell’innovazione tecnologica la propria missione. Due storyteller, un uomo e una donna, saliranno in alta quota per conoscere chi difende la montagna, viaggeranno al fianco di chi vive in sinergia con gli asini, scopriranno che cosa significa difendere gli ecosistemi marini, come si riciclano tessuti, come si crea un’aranciata, come si vive senz’auto… Vivranno per un giorno la vita di chi ha deciso di salvare il Pianeta.

IntrecciEtici – La rivoluzione della moda sostenibile in Italia, diretto da Lucia Mauri e Lorenzo Malavolta e prodotto da LUMA video, racconta come in Italia sia in atto una rivoluzione per rendere il settore moda più sostenibile. Questo cambiamento è sotto i nostri occhi: da chi si occupa di fibre e tessuti naturali, a chi produce solo su ordinazione, a chi trasforma rifiuti in risorse, a chi impiega persone più fragili fino a chi ha deciso di rimanere sul territorio. Se da un lato i produttori si stanno impegnando concretamente per rendere la moda più etica e sostenibile, bisogna tenere a mente che la sostenibilità deve partire prima di tutto dai consumatori che hanno davvero il potere di cambiare le cose, passo dopo passo, con il proprio portafoglio e le scelte di tutti i giorni.

È disponibile su Infinity+ anche Ragazzi Irresponsabili, il documentario scritto e diretto da Ezio Maisto che racconta le storie e la passione degli studenti che si sono mobilitati in Italia per contrastare l’azione distruttiva dell’uomo sull’ambiente. Da David (14 anni) che, ispirato da Greta Thunberg, ha sposato con tanta forza la causa ambientalista da convincere i suoi genitori a permettergli di girare l’Europa da solo per partecipare agli scioperi a Marianna (18 anni), già impegnata nella raccolta volontaria dei rifiuti per strada e passata al ruolo di organizzatrice dello sciopero degli studenti della sua città. Insieme a loro Alessandro (26 anni) che è stato il primo giovane ad aver seguito l’esempio di Greta e ad essere sceso in piazza in Italia e Monica, l’insegnante che ha fondato i Teachers For Future e spinto la sua scuola, prima in Italia, a dichiarare l’emergenza climatica. Il documentario segue le loro vicende personali cercando di scoprire quali sono i valori che li smuovono, i loro obiettivi e le loro contraddizioni. Fino a dove possono spingersi e con quali azioni.

Questi progetti sono stati selezionati da Infinity LAB, il laboratorio permanente creato da Infinity+, nell’ambito delle call lanciate su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation: i progetti hanno raggiunto l’obiettivo del 50% del budget complessivo grazie alla raccolta fondi, ottenendo così il co-finanziamento per il restante 50% e la distribuzione da parte di Infinity+.

Condividi sui Social!

Paolo Lorenzini

Dispotico caporedattore di Serial Gamer Italia, dopo anni a girovagare per le redazioni di settore ha deciso di costruirsi una “casa” su misura che gli permettesse di offrire un’informazione libera, priva di clickbait e gestita in maniera equa e meritocratica.

Paolo Lorenzini

Dispotico caporedattore di Serial Gamer Italia, dopo anni a girovagare per le redazioni di settore ha deciso di costruirsi una “casa” su misura che gli permettesse di offrire un’informazione libera, priva di clickbait e gestita in maniera equa e meritocratica.

 Seguici su: