Cinema Film News

Carbonia Film Festival: Pedro Pinho a Carbonia per una retrospettiva sul suo cinema

Protagonista della giornata di giovedì 11 ottobre sarà Pedro Pinho, regista portoghese vincitore di numerosi festival in tutto il mondo fra i quali il premio FIPRESCI al Festival di Cannes 2017 con “A fábrica de nada”, a cui il Carbonia Film Festival dedica una importante retrospettiva.

Il lavoro di Pedro Pinho, per affinità con gli argomenti affrontati, è infatti strettamente legato ai temi da sempre cardine del Festival. Nella cornice del Carbonia Film Festival, che anche quest’anno si impegna a portare nel Sulcis il meglio della produzione cinematografica internazionale (di finzione e documentaria) degli ultimi due anni sui temi del lavoro e della migrazione, grazie a due concorsi internazionali (Lungometraggi e Cortometraggi), saranno quindi proiettati tre lungometraggi alla presenza dell’autore, che sarà anche protagonista di una serie di approfondimenti per il pubblico.

Proprio giovedì 11 saranno presentato il documentario “Bab Sebta”, sul confine tra Marocco e Ceuta attraversato dai migranti diretti in Europa e “A fábrica de nada”, film che racconta le conseguenze della delocalizzazione della produzione nelle vite degli operai mescolando diversi generi – compreso il musical -, è il suo primo lungometraggio di finzione.

A chiudere il programma della giornata, per il Concorso Internazionale Lungometraggi, la proiezione di “Amateurs” di Gabriela Pichler, esuberante commedia sulle differenze razziali nel mondo del lavoro all’alba dell’apertura di una nuova catena tedesca.

Il Carbonia Film Festival è organizzato dal Centro Servizi Culturali Carbonia della Società Umanitaria – Fabbrica del Cinema e Cineteca Sarda, insieme alla Regione Autonoma della Sardegna e al comune di Carbonia, con il sostegno di Fondazione Sardegna Film Commission per la direzione artistica di Francesco Giai Via.

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti