Film Recensioni Recensioni Film

Hotel Transylvania 3 – Una Vacanza Mostruosa: Tra relax e Zing – Recensione

Agosto è appena cominciato ed è giusto che anche i mostri si godano le proprie vacanze estive, proprio per questo Hotel Transylvania 3 – Una Vacanza Mostruosa trasloca la sua ambientazione su una nave di crociera con il regista Gendy Tartakovsky che, dopo aver dato vita ai primi due ottimi capitoli della saga cinematografica animata, ha deciso di far sfogare Drac, Mavis, Dennis e compagnia trattando però sempre argomenti delicati ed importanti come la famiglia e la coesistenza tra mostri e umani.

Tutti in vacanza!

A distanza di qualche anno dal secondo film, nel quale la vampiresca famiglia di Drac si è sviluppata e ampliata con Mavis e Jonathan che si sono sposati e hanno avuto come figlio il piccolo Dennis, la ciurma è di nuovo coinvolta e stavolta in una location del tutto nuova. Mavis ha infatti deciso di far imbarcare tutti su una crociera di lusso per cercare di risollevare il padre dallo stress lavorativo che lo affligge da diversi giorni; peccato però che il problema di Drac risieda principalmente nella solitudine e nel non avere una donna al suo fianco, sua moglie Martha è venuta a mancare ormai molti anni fa e il vampiro vorrebbe fare di nuovo “Zing”, ossia una sorta di colpo di fulmine riservato ai mostri che però dovrebbe capitare solo una volta nella vita. Ma non tutto è perduto dato che a bordo della crociera Drac, Mavis e gli altri personaggi faranno conoscenza con il Capitano della nave, Ericka, una donna all’apparenza entusiasta e socievole con i mostri, ma che nasconde un oscuro segreto data la sua parentela con una vecchia conoscenza di Drac.
Così assisteremo a diversi colpi di scena con i nostri amici mostri che saranno spesso in pericolo per via dei piani messi in atto da Ericka, ma allo stesso tempo vedremo lo svilupparsi della cotta presa da Dracula per quest’ultima che lo porterà a “rischiare” la vita varie volte.

Non solo divertimento

In questo terzo capitolo della saga la tematica fondamentale risulta nuovamente la famiglia con il rapporto tra Drac e Mavis che viene messo ancora una volta a dura prova, con la ragazza che non riesce pienamente ad accettare la cotta presa dal padre per Ericka e il loro rapporto iniziale. Mavis infatti rimane guardinga e sfavorevole alla volontà di Drac di cercare un nuovo Zing, dato che entrambi sono ancora legati alla madre Martha; nel corso della pellicola però la ragazza sarà costretta a ricredersi per via delle azioni di Ericka soprattutto nella parte finale.

Insieme al tema della famiglia il film si sofferma anche sull’importanza della diversità tra i vari esseri viventi, infatti come abbiamo visto già nei precedenti capitoli della serie, i mostri non sono ben accetti dagli umani, e in questa situazione Ericka vuole, insieme ad un suo lontano parente, porre fine all’esistenza di Drac e compagnia. Ovviamente insieme a queste tematiche più seriose il film cerca sempre di far divertire il suo pubblico con scene buffe e fuori di testa, con Tartakovsky che ha spesso voluto esagerare per dare un tono sempre più scherzoso al tutto.
Tutto ha come obiettivo quello di intrattenere e strappare una risata agli spettatori, soprattutto i più piccoli, ogni inquadratura ogni dettaglio è studiato alla perfezione, con un accompagnamento musicale che in alcuni casi risulta anche determinante per la prosecuzione del film.

Una vacanza meritata

Hotel Transylvania 3 – Una Vacanza Mostruosa si presenta come un ottimo film d’animazione che riesce a far divertire i più piccoli con scene esilaranti, come per esempio i balletti di Drac insieme a Blobby, ma allo stesso tempo a trattare in maniera rilassata anche tematiche importanti come l’importanza della famiglia e l’accettazione del diverso, il tutto in un contesto diverso dal solito hotel dei primi due capitoli della serie.

Hotel Transylvania 3 - Una Vacanza Mostruosa

Hotel Transylvania 3 - Una Vacanza Mostruosa
7.6

Regia

8.0 /10

Fotografia

7.5 /10

Montaggio

7.5 /10

Sceneggiatura

7.0 /10

Animazione

8.0 /10

Pro

  • Divertente
  • Tematiche ben trattate

Contro

  • Forse un po' prevedibile

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti