PC Recensioni Recensioni Giochi Speciali

Pressure Overdrive – Ridatemi la mia acqua -Recensione

Negli ultimi tempi vengono pubblicati una moltitudine di giochi di ogni tipo, genere e natura, e per differenziarsi bisogna cercare delle idee diverse dal normale che potrebbero essere sì un successo ma anche un grosso buco nell’acqua.
Pressure Overdrive si piazza proprio nel mezzo a questi due antipodi: sviluppato da Chasing Charrots, una casa di sviluppo tedesca, il gioco è un edizione completa e con più contenuti di Pressure, il titolo uscito nel 2013 che ha riscosso voti intorno alla sufficienza.
L’opera in questione è un mix tra un racing game a scorrimento verticale ed uno shooter, che vede come protagonista un inventore, Morgan, che un giorno scopre i piani di una cospirazione intenta a prosciugare delle zone d’acqua, privando gli abitanti della suddetta risorsa.
Allora Morgan sale a bordo della sua buggy per affrontare armate infinite di nemici al servizio di Conte Soap II.

CORRENDO PER L’ACQUA
Una volta entrati nel nostro veicolo ci si renderà presto conto della frenesia che il gioco porta con se, l’obiettivo di ogni stage sarà non solo arrivare alla fine del percorso senza subire troppi danni, ma anche uccidere il maggior numero di nemici che cercheranno in tutti i modi di distruggere il prezioso veicolo.
I comandi di gioco sono molto intuitivi, i soliti tasti per il movimento su PC (WASD) e il tasto sinistro del mouse per sparare, anche se i movimenti laterali sono un po’ difficili da governare con il solo uso di ‘A’ e ‘D’, la configurazione ottimale si ottiene utilizzando un Pad, che grazie alle levette riesce ad essere più preciso anche nel momento di sparare.
Per andare avanti nei livelli dovrete servirvi del vostro arsenale offensivo al fine di distruggere tutti i nemici che vorranno ostacolarvi. La struttura degli stage è abbastanza lineare: il giocatore parte da un punto iniziale e deve cercare di sopravvivere fino al traguardo, passando per una serie di utilissimi checkpoint che ripristinano una parte della vita persa durante la corsa, il tutto cercando di non esaurire la barra verde posizionata in alto a sinistra dello schermo, ossia quella dell’integrità del veicolo, o più semplicemente la “vita”.
Oltre a quest’ultima barra ne è presente un altra bianca che giocherà un ruolo di fondamentale importanza durante tutto il gioco: la pressione. Questa influenzerà sia la velocità e il rateo di fuoco della nostra macchina, sia la possibilità di usare specifiche abilità in game. Infatti una pressione bassa comporta una minore velocità e meno colpi da poter sparare e non permette di usufruire di perk come la cura, uno dei più utili soprattutto nei livelli più avanzati.
All’inizio dell’avventura il titolo si concretizzerà semplicemente in una corsa con il solo scopo di arrivare alla fine, dato che i nemici saranno
pochi e meno resistenti, e non ci sarà bisogno di grosse strategie o comunque di stare attenti a tutte le macchine avversarie presenti, dato che i checkpoint saranno vicini tra loro e i danni abbastanza bassi; Avanzando nel titolo diventa tutto più complicato a causa della valanga di nemici presenti a schermo che non vi daranno tregua con proiettili giganti, veleno e scariche di colpi.

CORSE FOLLI TRA PROIETTILI
Queste meccaniche portano a livelli sempre più complicati che vanno affrontati con la giusta accortezza e con i giusti potenziamenti che diventeranno indispensabili proseguendo negli stage, dato che più si potenzierà il veicolo più ci saranno possibilità di arrivare alla fine sani e salvi.
Il sistema di potenziamento è validissimo, sono presenti in tutto quattro parti che si possono migliorare della vettura, davanti, sopra, sotto, dietro. Inoltre esiste la possibilità di scegliere il modello di veicolo e l’arma che si vuole utilizzare nel gioco.
Questo può comportare migliorie sotto vari aspetti: per esempio alcuni accessori miglioreranno di netto la resistenza del veicolo, altri  ridurranno il costo della pressione quando si sparerà; sarà possibile dotare il veicolo di un ariete per speronare le macchine ostili e molte altre opzioni di personalizzazione saranno disponibili. Tutti questi potenziamenti si potranno ottenere grazie alle monete d’oro raccolte durante ogni corsa e che potranno essere spese in garage a proprio piacimento.
La valuta di gioco, come detto poc’anzi, sarà reperibile dopo aver terminato ogni livello, anche se a dire il vero se ne otterrà davvero poca per ogni stage.
I miglioramenti porteranno ad avere più frecce al proprio arco da usare in tutte le situazioni, dai nemici base a quelli più ostici, compresi i boss che saranno tre in tutto e sono una delle note più positive del gioco: infatti i combattimenti con questi ultimi sono formati da diverse fasi che diverranno sempre più complicate da affrontare facendo attenzione all’integrità dell’auto e alla pressione che spesso risulteranno fondamentali per far pendere le sorti dello scontro dalla propria parte.
Tutti e tre sono caratterizzati molto bene e riescono a tenere impegnato il giocatore che deve trovare il modo per superare le fasi di questi ultimi, come trovare la linea di fuoco giusta dove sparare oppure distruggere qualche costruzione per ostacolare il nemico.

SPARANDO TRA FORESTE E CORSI D’ACQUA
Tutti i livelli e gli scenari sono caratterizzati molto bene e si differenziano tra loro per l’utilizzo di set diversi con qualche variazione anche rispetto alle location: per esempio si passerà da zone in mezzo alla natura a interni di un castello, stazioni ferroviarie e miniere; spesso gli ambienti avranno componenti distruttibili come strutture di legno, barili o casse che però non aggiungeranno nulla ai livelli.
Anche i nemici base sono disegnati ottimamente e variano da semplici veicoli simili a carri armati nelle fasi iniziali a mezzi più corazzati, cambiando anche fisionomia a seconda dei luoghi, dato che se si affronterà una zona piena d’acqua saranno presenti barche e nemici su gommoni.
Il comparto sonoro è discreto con alcune musiche piacevoli e effetti sonori riusciti soprattutto per quanto riguarda armi e nemici.

UNDER PRESSURE
Pressure Overdrive è un gioco veloce, frenetico e con buoni spunti sia a livello grafico sia nella struttura di gioco. È ottimo se si vuole fare qualche partita per passare il tempo e magari divertirsi con gli amici in Coop.
Dopo però i primi livelli di gioco per alcuni giocatori potrebbe diventare noioso date le poche modalità e la ripetizione sostanziale delle cose da fare; differenti invece sono le boss fight, ben studiate e divertenti da giocare soprattutto per la varietà delle fasi presenti.

Pressure Overdrive

7

Gameplay

7.2/10

Grafica

8.0/10

Sonoro

7.0/10

Longevità

6.5/10

Trama

6.5/10

Pro

  • Scenari ben fatti
  • Boss fight ben studiate
  • Molte opportunità di personalizzazione

Contro

  • Può diventare ripetitivo
  • A volte confusionario
  • Poca varietà

Alessandro Reppucci

Senior Editor e responsabile YouTube di Serial Gamer, da sempre innamorato follemente dei videogames, dai 5/6 anni in poi ha macinato giochi su giochi di ogni genere.

Potrebbero anche interessarti